MestreToday

Il Comune sistema San Giuliano ma c'è una petizione: «No all'area di interscambio»

A inviarla al sindaco l'associazione amici del parco. «Costruire capannoni lungo la sponda del canale sottrarrà spazio ai cittadini, porterà traffico e inquinamento»

Foto di San Giuliano del gruppo Fb Amici del parco

C'è anche il progetto di sistemazione del parcheggio “porta rossa” di San Giuliano, nel piano complessivo comunale di riordino del parco approvato giovedì in giunta. Sulla collocazione dei capannoni dei trasportatori lungo rive, che verrebbe finanziata dagli interessati stessi però, emerge il dissenso dell'associazione Amici del parco di San Giuliano. Parte una petizione firmata in rete che il gruppo vuole far arrivare nelle mani del sindaco.

«Attività incompatibili»

«L’attuale amministrazione vuole creare un'area di interscambio per il trasporto merci all'interno del parco di San Giuliano - si legge nel testo della petizione: Salviamo il parco di San Giuliano di Mestre -. Se realizzata, la prevista costruzione dei capannoni lungo la sponda del canale, sottrarrà ai cittadini parte del parco, porterà il traffico di camion e di barche da trasporto al suo interno, e nelle pregiate adiacenze acquee, con conseguente pesante aumento dell’inquinamento e del moto ondoso. Sono queste attività incompatibili rispetto alle destinazioni urbanistiche di San Giuliano, al piano regionale di area della laguna (Palav), e alle norme europee di tutela Sic (Sito di interesse comunitario) e Zps (Zona di protezione speciale). Chiediamo al sindaco di Venezia di impedire questo scempio e di difendere il valore patrimoniale e ambientale di questo luogo unico al mondo, il solo di tutta la terraferma a essere tutelato dall’Unesco».

Il quadro degli interventi

Il quadro di risistemazione e riorganizzazione dell’intero parco prevede la realizzazione del nuovo canile comunale, per un valore complessivo di 1,4 milioni di euro, la realizzazione della passerella ciclo pedonale (1 milione e 500 mila euro), che collegherà il polo universitario di via Torino con Forte Marghera, e le opere di riqualificazione ambientale e delle rive di San Giuliano, con la sistemazione, appunto, dei capannoni dei trasportatori.

Manifestazioni

Per le strutture al servizio delle grandi manifestazioni saranno stanziati 1.237.857 euro e oltre 7 milioni e 700mila euro saranno impiegati per il progetto di riordino del polo nautico e opere complementari, con la realizzazione di 360 posti per il rimessaggio delle barche e la demolizione e ricostruzione delle strutture che le associazioni remiere utilizzano attualmente come ricovero per le imbarcazioni. Le nuove strutture saranno realizzate su due livelli, una al piano terra, con le metrature attuali, e uno soppalcato, che ospiterà 2 palestre per attività legate alla voga, una club house, nuovi spogliatoi e un bar con terrazza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Fermato con la cocaina, in casa un arsenale di armi e esplosivo al plastico

  • Badante si schianta con l'auto: aveva un tasso alcolemico di 3,33

Torna su
VeneziaToday è in caricamento