MestreToday

L'Oncologia dell'ospedale dell'Angelo si rinnova tra tecnologia, quadri, e colori

Il reparto è stato riorganizzato all'isegna delle tre "A": accoglienza, ascolto e accompagnamento. Nuovi percorsi. Sala d'attesa riarredata e dotata di totem eliminacode

Oncologia dell’Angelo, spazi nuovi per l’accoglienza e per l’attesa: “Riorganizzata, resa più bella, l’area dell’Oncologia – spiega il direttore generale dell’Ulss 12, Giuseppe Dal Ben – rappresenta il nostro impegno verso gli utenti. E’ un impegno di cura, ma è anche impegno di accoglienza piena, di ascolto, di accompagnamento. Tre ‘A’ che devono contrassegnare il nostro lavoro”.

Con un intervento ben visibile già dall’esterno, la direzione dell’Ulss 12 ha voluto in primo luogo distingue gli accessi tra gli utenti dell’Oncologia e quelli della Medicina fisica e Riabilitativa. Varcato l’ingresso, l’ampia sala di attesa è stata riarredata e dotata di nuovi totem eliminacode e di nuovi monitor. Colori, arredi, dipinti alle pareti, a cui in questi giorni si aggiungono i segni del Natale, trasformano quello che era uno spazio anonimo in un luogo che si propone come pienamente accogliente. E i dipinti che aggiungono un tocco di colore all’ambiente, va detto, sono stati realizzati dai ragazzi disabili del Centro Diurni Sant’Alvise dell’Ulss 12, a compimento di un laboratorio di pittura.

“Dietro la riorganizzazione degli spazi – ha spiegato il primario di Oncologia, Paolo Morandi – e ancora più importante di questo intervento, c'è la riorganizzazione del percorso con cui ci facciamo carico degli utenti. E’ per noi fondamentale avere ora a disposizione uno spazio riservato per il colloquio con l’utente in ingresso: è un segno di rispetto per la persona, e insieme un segno di come il reparto nel suo complesso si prende carico di ogni utente. Altrettanto importante l’introduzione della cartella elettronica, che permette al reparto di seguire il percorso delle persone assistite e in cura. Anche con il nuovo sistema elimina-code il reparto si arricchisce di tecnologia ‘buona’, quella che rende più facile il lavoro del personale e l’attesa dei pazienti in cura”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli spazi dell’Oncologia riorganizzati sono stati presentati, presente monsignor Dino Pistolato che ha presieduto un segno di benedizione, alle associazioni degli utenti e del volontariato. “Rinnovo qui il nostro grazie – ha concluso il direttore Dal Ben – a coloro che ci sostengono con la loro presenza volontaria e appassionata in Oncologia. Ci aiutano a tenere alta l’attenzione verso l’utente malato, che in tutta l’Azienda sanitaria è un obiettivo prioritario, e che in un reparto come questo è ancora più urgente e doverosa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento