MestreToday

Auto della Locale a fuoco a Favaro, le indagini continuano: "Le avevano rotto gli specchietti"

Il delegato Fp Cgil, Gallo: "Nei giorni scorsi veicolo vandalizzato da ignoti, non possiamo che insospettirci". Intanto la Clio è posta sotto sequestro per continuare gli accertamenti

Foto dei Rangers, intervenuti per agevolare le operazioni

Continuano le indagini dopo il rogo che la mattina di Natale ha danneggiato un'auto della polizia locale che da due giorni si trovava in sosta negli stalli degli uffici della Municipale di Favaro Veneto, a pochi passi dal centro commerciale La Piazza. Il mezzo, una Renault Clio, è stato posto sotto sequestro dall'autorità giudiziaria per permettere ulteriori accertamenti volti a far luce su un episodio che potrebbe avere una matrice dolosa. Anzi, il comandante del Corpo, Marco Agostini, propende per questa ipotesi, sottolineando come il veicolo avvesse poco meno di 2 anni.

"Vandalismi nei giorni scorsi"

Difficile un cortocircuito o un incidente, tanto più che, secondo il rappresentante della Fp Cgil, Nicola Gallo, il veicolo si caratterizzava per un motore diesel. Proprio nella zona del vano motore potrebbe essersi originato il rogo. L'episodio dal sindacalista viene messo in correlazione con un atto vandalico, stavolta deliberato, che avrebbe interessato nei giorni scorsi proprio il mezzo andato a fuoco: "Al 99 per cento a quell'auto erano stati danneggiati gli specchietti - dichiara Gallo - uno scenario che non può che insospettirci".

Foto dei Rangers d'Italia intervenuti per agevolare i soccorsi

polizia locale 02-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Telecamere al vaglio

L'ipotesi dolosa, dunque, in attesa dei risultati dei rilievi della questura, resta dunque in primo piano. E' possibile che le telecamere di sorveglianza della zona possano aver immortalato indizi utili alle indagini: "Di sicuro il veicolo vandalizzato appartiene sempre al Corpo di Favaro - conclude Gallo - Nel caso venisse accertata l’origine dolosa del fatto, denunciamo il vile atto che non solo produce un danno all'intera collettività, ma a tutta la polizia locale. Esprimiamo la più totale vicinanza a tutte le donne e gli uomini della polizia municipale che con grande dedizione e professionalità, ogni giorno offrono il proprio servizio alla città senza lasciarsi intimidire e con il massimo impegno nonostante tutte le tensioni ed i problemi che in questi anni sta vivendo questo delicato settore del pubblico impiego".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento