MestreToday

Giovani e droga, Prefettura e Comune assieme per la prevenzione dalle dipendenze

Con il progetto WeFree, della Comunità di San Patrignano, andranno in scena al teatro Momo esperienze reali di vita: ospiti gli studenti delle superiori del territorio metropolitano

Le storie vere raccontate da chi le ha vissute, come primo passo per la prevenzione dalle dipendenze da sostanze stupefacenti. Si chiama WeFree, il progetto promosso dalla Comunità di San Patrignano e fa parte del Protocollo d'intesa sottoscritto il 18 maggio 2016 alla Prefettura di Venezia, con la realizzazione di una serie di interventi in Veneto, tra cui quello programmato, d'intesa con il Comune di Venezia, mercoledì alle 9.30, al Teatro Momo.

Saranno presenti gli studenti degli istituti scolastici superiori del territorio metropolitano. Il progetto si traduce in diversi spettacoli dove i protagonisti sul palco saranno i ragazzi della Comunità che racconteranno il loro passato e la fatica vissuta per riuscire a creare il loro presente. 

Il progetto WeFree

Ascoltare, raccontare e confrontarsi per scoprire che insieme è più semplice superare le proprie fragilità. L'impegno a dare voce al disagio adolescenziale e trasformare situazioni a rischio in opportunità di introspezione. Questo è il progetto di prevenzione di San Patrignano che Only the Brave Foundation ha deciso di adottare, avviando una collaborazione che nei prossimi mesi si concretizzerà in una serie di interventi in Veneto per poi toccare altre regioni italiane nel 2018, mirati ad avere un impatto diretto e positivo sui giovani, perché WeFree non solo letteralmente significa "noi liberi" ma vuole dire vivere, amare, divertirsi, senza che nessuna sostanza condizioni il modo di essere o di sentire. 

Ogni anno 50 mila studenti coinvolti

Consapevole dell'utilità dell'informazione sui rischi associati all'uso di sostanze, il team di WeFree ha ideato dei format (spettacoli, incontri a scuola, dibattiti) capaci di rispondere alle richieste delle agenzie educative, di enti e fondazioni che hanno a cuore la vita degli adolescenti. Dal 2002 i ragazzi della Comunità portano in tutta Italia le loro testimonianze dirette e il messaggio di uno stile di vita positivo e responsabile. 
La collaborazione si tradurrà infatti in diversi spettacoli rivolti agli studenti delle scuole medie e superiori, dove i protagonisti sul palco saranno i ragazzi di San Patrignano che racconteranno il loro passato e la fatica vissuta per riuscire a creare il loro presente. Storie, canzoni ed emozioni, insieme a informazioni scientifiche sui rischi della droga, coinvolgeranno gli studenti in una comunicazione peer to peer, da pari a pari, pensata per offrire tanti spunti di riflessione. 

Questo il calendario delle tappe confermate in Veneto nel 2017, altre ne sono previste nel 2018: - lunedì 16 ottobre - Teatro Remondini - Bassano del Grappa - martedì 17 ottobre - Teatro Remondini - Bassano del Grappa - mercoledì 8 novembre - Teatro Momo - Mestre - martedì 21 novembre - Teatro Multisala Pio X - Padova - mercoledì 6 dicembre - Teatro Comunale - Vicenza 
"Only The Brave Foundation cerca di dare il suo contributo a progetti legati a tematiche attuali che richiedono interventi urgenti e mirati, sia a livello internazionale sia a livello locale", commenta Arianna Alessi, Direttrice della Fondazione. "Il progetto WeFree è rivolto ai giovani, a coloro che rappresentano il futuro della nostra comunità. Attraverso questi spettacoli possiamo intervenire in maniera preventiva, nella speranza di portare i ragazzi a riflettere, a non sentirsi soli e ad affrontare in maniera consapevole le scelte quotidiane che condizioneranno il loro futuro". 

Rispondere alle richieste della collettività

"I nostri ragazzi, giunti al termine del percorso in comunità, regalano la loro storia agli studenti, spesso ragazzi poco più giovani di loro — spiega Patrizia Russi, responsabile del progetto di prevenzione di San Patrignano - Non c'è nessuna volontà di insegnare a vivere a questi studenti, bensì il desiderio di farli riflettere e ragionare sulla loro quotidianità, sul rapporto che hanno con la loro famiglia, con gli amici, con gli insegnanti e far loro capire quanto sia naturale avere delle incertezze e delle fragilità. E' fondamentale per noi aver trovato una collaborazione così importante al fine di poter rispondere in maniera ancora più puntuale alle tante scuole che ci contattano ogni giorno per fare prevenzione". 

La Fondazione Only the Brave è stata creata nel 2008 con la missione di lottare contro le disuguaglianze sociali e contribuire allo sviluppo sostenibile di persone e aree meno avvantaggiate in tutto il mondo. I principali criteri di selezione dei progetti supportati sono l'innovazione, la sostenibilità e un impatto sociale diretto. Ad oggi la fondazione ha investito in più di 170 progetti di sviluppo sociale, migliorando la vita di oltre 180.000 persone. 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Polemiche su tre consiglieri leghisti per la richiesta del bonus Inps da 600 euro

  • Chiusura del raccordo da Venezia verso la tangenziale di Mestre

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento