MestreToday

Lite in Consiglio sull'urbanizzazione di due aree a Favaro e Mestre

Ai 2 ambiti in via Vallenari e Ca' D'Oro, destinati in origine all'edilizia popolare, il Comune imprime una destinazione residenziale. Scano e Visman: «Così si toglie quel poco che resta di agricolo»

Planimetria del progetto

Il Consiglio comunale di giovedì con 20 voti favorevoli e 8 contrari ha dato il via libera alla variante 66 al piano degli interventi per il riassetto urbanistico di due ambiti in via Vallenari a Favaro Veneto e in via Ca' D’Oro a Mestre, quasi tutto di proprietà della società immobiliare veneziana, Ive srl, controllata dal Comune di Venezia che detiene il 99,52% del capitale sociale. La classificazione urbanistica dei due ambiti come piani di edilizia economica e popolare (Peep) è decaduta e l'Amministrazione comunale ha stabilito di introdurre nuove funzioni e destinazioni d’uso per favorire lo sviluppo della residenza e servizi urbani complementari. Per il Comune si tratta di una ripianificazione dell'area per il potenziamento delle aree verdi attraverso la riforestazione urbana. È prevista in via Vallenari a Favaro un’area per la realizzazione di una residenza sanitaria assistenziale (rsa).

L'attacco a colpi di emendamenti dei consiglieri 5 Stelle Sara Visman e Davide Scano è immediato. Dito puntato contro «la speculazione edilizia che su quei terreni agricoli consegue dalla delibera, rea di disincentivare il recupero delle costruzioni esistenti consumando suolo e sottraendolo a quel poco che rimane di agricolo e coltivabile». A fronte di una cessione complessiva di circa 32 mila metri quadrati all’Amministrazione comunale da destinarsi a bosco di riforestazione e opere di urbanizzazione viene sviluppata una residenzialità negli ambiti oggetto di variante. Per l'Amministrazione si riduce la cubatura prevista originariamente dal piano degli interventi. E i nuovi edifici che si potranno realizzare, non più di edilizia popolare, rispetteranno i requisiti di sostenibilità ambientale previsti dal regolamento comunale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Originariamente, per Visman e Scano, erano pianificate due aree Peep sui terreni Ive e di 4-5 altre proprietà private. E il Comune, una volta scaduta la classificazione, non ha esitato a rimettere la cubatura: 7 mila metri quadri residenziali più un 20 per cento di costruibile che si potrà far atterrare con i crediti edilizi che le società private acquisiscono. Come la ditta Cev, l'impresa che doveva realizzare il palazzo di 6 piani in via Trentin a Mestre e ha rinunciato a parte dell'altezza acquistando il diritto di poter andare a costruire il resto altrove. Altri 4 mila metri quadrati di edificabile risulterebbero nelle aree private, +20% di crediti edilizi, altri 6-7 mila quadri, per un totale residenziale compreso il credito di potenziali altri 21 mila metri quadri (3 ettari circa), cioè 464 abitanti teorici, con i 7500 metri quadri della residenza per anziani. Erano inizialmente 46 mila i metri quadri le aree Peep decadute. «L'espansione della città oltre il perimetro è retrograda - affermano i consiglieri 5 Stelle - perché la popolazione del Comune è passata da 270.801 a 259.257 residenti nell'ultimo decennio. Non siamo di fronte a un potenziamento delle aree verdi attraverso la riforestazione urbana - continuano -. La volontà dell'Amministrazione comunale è ancora, dopo la delibera delle residenze per favorire il ricongiungimento famigliare sulla cintura urbana, insediare nuova edilizia e favorire l'urbanizzazione delle poche aree agricole rimaste nel comune».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un nuovo mini focolaio di coronavirus in una casa di riposo di Mestre: anziano all'ospedale

  • Gli aggiornamenti sui casi di coronavirus

  • È stato inaugurato il bicipark di piazzale Roma

  • Scoperto un traffico di ragazze schiavizzate e costrette a prostituirsi in strada

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

  • Si masturba affacciato alla finestra, denunciato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento