MestreToday

Appello per fermare la caccia nel bosco di Mestre: "Grosso pericolo per gli abitanti"

Raccolta di firme per la zona di Ca' Solaro. La Lav scrive al sindaco Bugnaro: "Incidenti all'ordine del giorno, necessaria un'ordinanza di divieto prima che accada l'irreparabile"

Cacciatori che sparano ad ignari cittadini scambiandoli per fagiani o cinghiali, cacciatori che maneggiando i fucili si sparano fra di loro, cacciatori che sparano contro chi cerca di allontanarli dai propri terreni. Una situazione per molti inaccettabile che mette a rischio in primis la vita degli abitanti e i frequentatori della zona. Le armi nell'area del bosco di Mestre preoccupano, e ora parte un grido di allarme con raccolta di firme e lettera al sindaco Luigi Brugnaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
 

"SERVE UN'ORDINANZA"

Secondo Tatiana Zanotti, responsabile della Lav di Venezia, "l’invadenza dei cacciatori è una vera e propria minaccia alla sicurezza delle persone che vivono in prossimità del bosco a Ca’ Solaro". La Lav denuncia il verificarsi quasi quotidiani di incidenti, anche gravi. "La situazione è grave e perdura da anni - proseguono gli attivisti - per questo motivo abbiamo deciso di scrivere al primo cittadino chiedendo di emanare un’ordinanza urgente che sospenda la caccia in tutta la zona che comprende il bosco e nelle aree adiacenti". Già altri Comuni hanno adottato soluzioni simili per garantire la sicurezza. "La caccia comporta ogni anno la morte di milioni di animali - ricorda la Lav - ma anche il ferimento e la morte di persone, spesso ignari cittadini. Non vorremmo che a Ca’ Solaro dovesse scorrere del sangue umano prima di prendere provvedimenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

RACCOLTA FIRME

La Lav sarà in piazza il 21 e 22 ottobre a Venezia in campo Santi Apostoli ed a Mestre in piazzetta Pellicani per raccogliere le firme dei cittadini a sostegno di una proposta di legge per l’abolizione della caccia e per la tutela effettiva degli animali selvatici. Già quattromila sottoscrizioni, riporta La Nuova Venezia, sono state accumulate finora da altre associazioni del territorio (non solo animaliste): l'obiettivo è fare pressione sul presidente della Regione Veneto, che questa estate ha vietato la caccia a ridosso dell'aeroporto Marco Polo, perché il provvedimento sia allargato a tutte le aree verdi di competenza dell'Istituzione Bosco e Grandi Parchi di Mestre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento