MestreToday

Ex Umberto I: «Il Comune acquisti l’area e metta fine al degrado»

Pellicani, Sambo e Rosteghin: «Serve una rigenerazione urbana del centro di Mestre. L’importo della proposta di acquisto attuale è conveniente e i soldi ci sono: quelli del patto per Venezia»

"Il buco". La soluzione per l'area degradata dell'ex Umberto I in centro a Mestre sembra lontana, ma per i consiglieri del Partito Democratico, Nicola Pellicani, Monica Sambo ed Emanuele Rosteghin, all'abbandono si può porre rimedio: «L’amministrazione acquisti l’area rivitalizzando e riqualificando la zona».

Costi

«Tutta la città auspica la fine di una situazione che ha danneggiato oltremodo il centro della città - spiegano i consiglieri -, le sue attività commerciali e i suoi abitanti. L’importo della proposta di acquisto odierna, molto inferiore a quello di acquisto dell’area da parte di Dng Srl, lo rende molto conveniente, anche per la crisi del mercato immobiliare. Le  risorse economiche ci sono e sono quelle del patto per Venezia. La convenienza può valere anche per l’interesse della città attraverso l’iniziativa del Comune che è creditore nei confronti della proprietà».

Progetti

Questa operazione porterebbe a compimento, dicono Pellicani, Sambo e Rosteghin, «gli investimenti fatti nell’arco di tre decenni per l’arredo urbano di piazza Ferretto e dintorni, il restauro della torre, il centro culturale Candiani, il teatro Toniolo, la nuova biblioteca civica, il recupero di via Poerio-Riviera XX Settembre e la realizzazione del museo M9. Occorre rendere il centro attrattivo e vivace, anche portando il mercato, attività sportive, intrattenimento, spazi giovanili, incubatori d’impresa, e un'area verde».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Investimenti

«Il governo del Partito Democratico ha portato al Comune, nel novembre 2016, 257 milioni di euro, di cui 110 milioni da utilizzare per interventi nel periodo 2014-2020 - concludono - . Di questi ultimi, 21 milioni sono destinati alla riqualificazione di edifici e luoghi pubblici di rilevanza socio-economica e contrasto all’illegalità nella terraferma di Venezia. Quindi il Comune è già in possesso delle risorse necessarie per avviare questo importante processo di riqualificazione urbana che, riteniamo, debba spettare a un'amministrazione pubblica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento