MestreToday

Due serre di marijuana in casa: mestrino in manette

L'arresto giovedì sera. I militari del Norm hanno perquisito un garage e due appartamenti, trovando una vera e propria fabbrica, con "maria" e hashish pronti per lo spaccio

Il materiale sequestrato

In casa aveva allestito un vero e proprio vivaio per la coltivazione di marijuana. In una delle camere i militari del Norm hanno trovato due serre complete con tutto l'occorrente per far crescere le piante a regola d'arte: terriccio, argilla, ventilatori, temporizzatori per l'energia elettrica, termometri digitali, inverter di corrente, taniche per l'idratazione delle piante, fertilizzanti di varia natura e lampade alogene di dimensioni e amperaggio differenti. Non si può certo dire che P.N., 28enne mestrino residente a Campalto, non fosse ben attrezzato per la produzione ed il successivo spaccio di stupefacente. Scoperto in flagranza di reato, per lui sono scattate le manette.

La perquisizione

Il controllo dei militari è scattato giovedì sera, 31 ottobre, a seguito delle segnalazione dei residenti del Villaggio Laguna su uno strano viavai di persone in via Dal Cortivo. È stato uno dei cani dell'unità cinofila della polizia locale di Venezia a puntare con insistenza verso un garage, inducendo i carabinieri ad un controllo accurato. All'interno del box, il 28enne nascondeva un panetto di hashish di circa 100 grammi, oltre ad un involucro vuoto, di dimensioni maggiori, intriso dello stesso stupefacente. L'attività è poi proseguita all'interno dell'appartamento del giovane, che ha spontaneamente consegnato marijuana e hashish che conservava all'interno delle tasche del giubbotto. In camera da letto il pusher nascondeva altri 30 grammi di "maria" e un panetto di hashish delle stesse dimensioni di quello trovato poco prima, in parte già tagliato per confezionare le dosi. Oltre alla droga, sono stati ritrovati anche bilancino digitale, coltello e rotoli di carta stagnola per il confezionamento delle dosi.

Due serre di marijuana in casa

Quanto rinvenuto dai militari del Norm sarebbe stato più che sufficiente per procedere nei confronti del giovane, che in realtà aveva degli scheletri nell'armadio. Da successivi controlli, infatti, gli uomini in divisa hanno appurato come l'uomo fosse residente in un altro appartamento, poco distante da quello perquisito poco prima. A quel punto si è reso inevitabile un controllo approfondito anche nell'altra abitazione, all'interno della quale è stata trovata una vera e propria "fabbrica di marijuana". Oltre alle serre, i militari hanno rinvenuto altri 400 grammi di marijuana. Tutto il "materiale" trovato è stato quindi posto sotto sequestro, mentre per il giovane, già gravato da numerosi precedenti penali, sono scattate le manette per detenzione e coltivazione di sostanza stupefacente destinata allo spaccio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Scorzè: camionista investito e ucciso nella notte

  • Truffatore online per anni, lo vanno a prendere nel suo appartamento

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Tour fotografico nella ex Sirma, fabbrica abbandonata a Porto Marghera

  • Scoperta a rubare vestiti, aggredisce il direttore e gli punta le forbici in faccia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento