MestreToday

Telefono giù nella grata, entrano con la torcia e trovano un cadavere

Tragica scoperta mercoledì pomeriggio in uno scantinato di viale Don Sturzo. A togliersi la vita un 30enne mestrino che viveva di espedienti

Entrano per cercare il telefono cellulare in quella ex autorimessa in disuso. La torcia a fendere l'oscurità. Ma ci trovano dentro un cadavere, impiccato. La tragica scoperta mercoledì verso le 18.30 in viale Don Sturzo a Mestre: poco prima a una signora che stava andando in palestra scivola lo smartphone all'interno di una grata. Aveva bisogno che qualcuno glielo andasse a recuperare in quella sorta di scantinato abbandonato.

Per questo il titolare della palestra ha chiesto a un dipendente di un bar vicino le chiavi del cancello. Dopodiché sono entrati nella proprietà, finché non si sono accorti di quel corpo irriconoscibile. In avanzato stato di decomposizione. Immediato l'allarme lanciato alla polizia, che è intervenuta sul posto con le Volanti. Gli agenti sono entrati nella ex autorimessa, e hanno accertato che effettivamente c'era un cadavere. Un probabile suicidio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'identificazione è avvenuta grazie al documento d'identità che la vittima aveva nella tasca posteriore dei jeans: si tratta di un 30enne mestrino, che da diverso tempo aveva rotto i rapporti con la propria famiglia e aveva deciso di vivere per i fatti suoi. Nei mesi scorsi piccoli problemi con la giustiiza, oltre che qualche precedente per stupefacenti. Da prassi il magistrato non ha ancora dato il nulla osta per i funerali. Serve prima una ispezione del medico legale, e fugare soprattutto ogni dubbio sulla presenza di altre persone all'interno dell'autorimessa. Anche se appare chiaro che ci si trova di fronte a una tragedia cui solo la solitudine e la disperazione possono portare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Il ceppo di covid proveniente dalla Serbia è molto aggressivo. Zaia: «Preoccupati per i virus importati»

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

Torna su
VeneziaToday è in caricamento