MestreToday

Ponti e viadotti, giunti sorvegliati speciali in terraferma: il Comune stanzia 400 mila euro

Progetto di messa in sicurezza di 6 manufatti: la rampa Rizzardi, il cavalcavia Da Verrazzano, il cavalcaferrovia via Miranese, la rampa corso del Popolo, la copertura del fiume Marzenego in via Pio X e il cavalcavia degli Arzeroni

Foto: rampa Rizzardi, archivio

Giunti di ponti e cavalcavia della terraferma veneziana sorvegliati speciali. L'amministrazione ha deliberato a favore dello stanziamento di 400 mila euro per interventi diffusi di messa in sicurezza. Sei i manufatti interessati: la rampa Rizzardi, il cavalcavia Da Verrazzano, il cavalcaferrovia via Miranese, la rampa corso del Popolo, la copertura del fiume Marzenego in via Pio X e il cavalcavia degli Arzeroni.

Danni e sicurezza

«La sicurezza delle infrastrutture della nostra città e di tutti coloro che se ne servono è una delle priorità - commenta l'assessore ai Lavori pubblici Francesca Zaccariotto -. Dopo lo stanziamento da parte della giunta dello scorso mese di settembre di 6 milioni di euro per il consolidamento, la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico del cavalcavia superiore di Marghera, adesso sono stati destinati ulteriori 400 mila euro per innalzare il livello di sicurezza delle piattaforme stradali lungo le direttrici principali della terraferma, andando così a preservare gli impalcati da possibili danni derivanti da vibrazioni, per il disillineamento dei giunti dalla loro sede».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dettagli dei lavori

Gli interventi si concentreranno sulla parte più ammalorata del viadotto che comprende la sommità dell’impalcato. Secondo le relazioni dei tecnici, i giunti da sostituire sarebbero particolarmente degradati e in alcuni casi completamente inesistenti a causa del traffico sostenuto cui sono assoggettati. Per quanto riguarda le tempistiche di realizzazione dei lavori, quest'ultime si ipotizzano per l'estate prossima andando a individuare, di volta in volta, il periodo migliore per limitare al minimo indispensabile le chiusure totali di alcune strade

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento