MestreToday

Passa alla fibra e rimane senza internet, il gestore lo invita a trovarsi un'altra compagnia

Il protagonista della vicenda un insegnante mestrino di 45 anni. Dopo essere rimasto un mese senza rete, la risposta spiazzante. Ha chiesto aiuto ad Adico per essere risarcito

Nel mercato delle telecomunicazioni (come in quello delle forniture di gas ed energia elettrica) se ne vedono e se ne sentono di tutti colori. Ma è difficile, se non impossibile, che una compagnia inviti il proprio cliente ad andarsene con un’altra azienda, soprattutto quando l’utente in questione è da anni con quel gestore e ha sempre pagato con regolarità le bollette.

Oltre un mese senza internet

M. S., 45enne insegnante mestrino, può dunque “vantarsi” di aver aperto una nuova frontiera in questo settore. Perché il proprio operatore, dopo averlo lasciato senza linea dal 24 ottobre scorso, qualche giorno fa gli ha consegnato il codice di migrazione e lo ha invitato a trovarsi un’altra compagnia. Ma cos’ha ha fatto il povero insegnante mestrino per essere “cacciato”? Nulla, se non aver protestato per il disservizio che sta vivendo ormai da oltre un mese.

Chiesti 3mila euro di risarcimento

Ora il 45enne si è rivolto all’Adico per chiedere un risarcimento di 3 mila euro all’operatore, visti i grandi disagi subiti da lui, dalla moglie e dai tre figli. Il problema nasce a metà ottobre, quando sottoscrive un nuovo contratto che lo porta dalla linea adsl alla fibra. Abita in via Leonardo Da Vinci e lì la fibra funziona malissimo. L’insegnante non riesce più a collegarsi e così chiede di tornare alla linea Adsl. Ma il 22 novembre viene a sapere che questa operazione non è possibile. Ma ciò che regala alla vicenda contorni kafkiani è l’atteggiamento dell’operatrice che gli fornisce il codice di migrazione per cercarsi un altro gestore telefonico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Una storia incredibile"

"Questa storia ha dell’incredibile - commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico - ne sentiamo tante, tutti i giorni. Ma mai una compagnia che invita il proprio integerrimo cliente ad andarsene con un altro gestore. Ora il nostro socio dovrà attendere ancora tempo prima di avere di nuovo internet in casa. E per la sua famiglia, che utilizza la linea anche per operazioni quotidiane come pagamenti di bollette e home banking, i disagi continuano. Per questo, tramite il nostro ufficio legale, andremo a chiedere un risarcimento di 3mila euro che può rappresentare un giusto indennizzo per tutti i problemi vissuti in questo periodo da lui e dalla sua famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti del 24 marzo sera

  • Quasi 6000 positivi al coronavirus in Veneto, altri morti in provincia

  • Quasi 900 positivi in provincia, altri 2 morti all'ospedale di Dolo

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

Torna su
VeneziaToday è in caricamento