MestreToday

Dopo la retata piazza pulita dell'eroina "buona". I tossici: "Rivogliamo la gialla"

La scritta è spuntata a Mestre in riviera Marco Polo in queste ore e non ha potuto che mettere sul chi va là i residenti. C'è voglia di voltare pagina in città dopo la raffica di arresti

Che abbia proprio quel significato? Che sia connesso alla maxi retata del 10 luglio? Può essere. Anzi, è molto probabile. La catena d'importazione dell'eroina gialla, che ha causato numerose morti in città, per ora è stata smantellata dopo i 30 arresti per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti ordinati dalla Dda di Venezia nei confronti dei componenti, tutti nigeriani, della banda di "Ken".

Preoccupazione dei residenti

Si tratta del re dello spaccio mestrino che si nasconde, latitante, in Francia. Fu lui a decidere a tavolino di inondare il mercato di eroina di altissima qualità a prezzi stracciati. Risultato: tossicodipendenti "fidelizzati" e piazza monopolizzata. Uno scenario che a Mestre si intende dimenticare in fretta rintuzzando ogni possibile tentativo di ricostruire la filiera della droga. Per questo motivo la scritta spuntata in queste ore in riviera Marco Polo a Mestre ha molto infastidito residenti e passanti: c'è voglia di aria nuova. Di riprendersi parchi, marciapiedi e strade.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sta per finire la "partita buona"

Ma c'è anche un altro problema non da sottovalutare: negli ultimi giorni sono spuntati alcuni casi di spacciatori individuati dalle forze dell'ordine che avevano con sé non droga ma polvere di gesso o altro. Insomma, stavano tirando "pacchi" ai tossicodipendenti alla ricerca di droga. Finita la partita "buona", chissà cosa si inventeranno (o con cosa taglieranno lo stupefacente) coloro che vorranno mantenere il mercato a Mestre. La guerra non è ancora finita. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Il ceppo di covid proveniente dalla Serbia è molto aggressivo. Zaia: «Preoccupati per i virus importati»

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

Torna su
VeneziaToday è in caricamento