MestreToday

Sanità privata come quella pubblica, è sciopero a Villa Salus

Il presidio con bandiere e striscioni davanti all'ospedale venerdì mattina. Coinvolti medici, operatori e amministrativi: «Contratto fermo da 12 anni, condizioni impossibili»

Lo sciopero a Villa Salus

Lo stato di agitazione è diventato sciopero. La sanità privata è tornata in piazza venerdì mattina a Mestre, con una protesta davanti all'ospedale Villa Salus. Stesse problematiche di quella pubblica: condizioni di lavoro impossibili, turni indefiniti per garantire le coperture necessarie e contratto di lavoro fermo da oltre un decennio. Le categorie, allo stesso modo, sono tutte coinvolte: medici, infermieri, operatori sanitari, amministrativi.

«Rinnovo a zero euro»

«Al tavolo con il Prefetto di poco tempo fa - dice Lele Scarparo Fpl Uil - oltre ai sindacati c'erano Aiop e Aris, le rappresentanze datoriali. Le stesse che indicano la Regione, non presente all'incontro, come parte in causa nel rinnovo del contratto, fermo da 12 anni. Noi riteniamo che siano i soggetti investitori, cioè i privati, a dover dare risposte diverse ai lavoratori. Come si può continuare a sostenere la linea del rinnovo a zero euro? Le trattative si sono arenate. Protestiamo perché i tavoli negoziali tornino ad aprirsi e perché il confronto riparta con presupposti diversi».

WhatsApp Image 2019-05-10 at 12.20.42-2

Professionalità

«Un contratto di lavoro fermo da 12 anni  - dichiara Daniele Giordano, segretario Fp Cgil Veneto - significa anche diritti e inquadramenti fermi a 12 anni fa. È vergognoso - prosegue - e inconcepibile che Aris e Aiop, che rappresentano in Veneto oltre una ventina di strutture, pur percependo i contributi dalla Regione, per l'erogazione dei servizi in convenzione, non vogliano investire parte di questi profitti per il rinnovo del contratto. La mobilitazione continuerà - conclude Giordano -  e chiederemo alla Regione di intervenire perché accredita queste aziende che non rinnovando il contratto non rispettano la professionalità, fatica, e passione che questi operatori mettono nel loro lavoro e nel sistema».

20190510_110232-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Furti e rapine per strada e nei negozi, refurtiva da 2 milioni: come agivano i banditi

  • Cronaca

    Maxi operazione contro i clan specializzati in furti: 10 in arresto, 1600 auto sequestrate

  • Cronaca

    Aziz e il desiderio di redenzione: gli scritti di un carcerato diventano libro e opere d'arte

  • Cronaca

    Banksy è stato a Venezia: il video pubblicato su Instagram

I più letti della settimana

  • Pugni e sassi contro due giovani: pitbull difende i padroni e azzanna gli aggressori

  • Ciclista investito, elitrasportato in gravi condizioni dopo l'impatto a terra

  • Maltempo: la mareggiata cancella la spiaggia a Eraclea, danni anche a Caorle

  • Denti perfetti: tutte le regole da seguire per una corretta igiene orale

  • Presunta violenza sessuale in discoteca, una ragazza all'ospedale

  • Torna l'acqua alta a Venezia, sarà un fenomeno "anomalo": toccherà quota 110 centimetri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento