MestreToday

L'eroe di San Giuliano: "Incoscienza? Non è la prima volta, scatta qualcosa"

Oliviero Biancato, 52enne di Marcon, con gravi problemi di salute, martedì si è tuffato nel Salso dopo che una donna si era gettata dal cavalcavia. "Non ho pensato alla mia situazione"

Il cavalcavia di San Giuliano

"Non ci ho pensato su due volte". Perché l'istinto spesso arriva prima della ragione, e in questo caso Oliviero Biancato non ha esitato a mettere a repentaglio la propria vita per salvare una 42enne di Spinea che verso le 12.30 di martedì si è gettata dal cavalcavia di San Giuliano per farla finita. Un volo di alcuni metri. Poteva essere una tragedia. Non appena ha visto la scena, però, Biancato non ha pensato ai gravi problemi di salute che lo attanagliano da sette anni, non ha pensato al fatto che non poteva contare sulle forze di una persona sana, non ha pensato a niente.  

Si è tuffato così com'era. Punto. Anche con le scarpe. L'unico. E' un dettaglio che la moglie puntualizza: "Mio marito è stato la sola persona a muoversi, e ce n'erano sul cavalcavia. Non so in che Paese viviamo". Ma il 52enne, rispetto agli altri, conosceva bene la zona. Sapeva che si poteva arrivare fino al canal Salso attraverso una stradina costruita per un cantiere. E ha raggiunto le vicinanze della riva con l'auto. La moglie non è riuscita a fermarlo. Un gesto la cui pericolosità era ingigantita nelle sue condizioni, convalescente e debilitato: "Mi è scattato qualcosa dentro e non ci ho pensato", spiega Biancato.

Non è la prima volta che gli succede, lui elettricista ma con la passione per la subacquea da 23 anni, che ha frequentato corsi e conosce a menadito le operazioni di soccorso da mettere in pratica: "Sapevo comunque quello che stavo facendo", spiega. Lo stesso istinto era scattato due anni fa, a Cortellazzo. Quattro ragazze erano in difficoltà. Stavano giocando vicino alla foce del Piave quando la corrente le ha sorprese e le stava trascinando via. Assieme ad altre persone il 52enne è corso verso il mare per poi mettersi a nuotare fino alle giovani. Anche in quel caso altruismo, anche in quel caso donne riportate a riva. Come ieri, come magari sarà ancora in futuro per l'elettricista di Marcon. Perché all'istinto non si comanda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • Un nuovo sistema di prenotazione nell'Ulss 3: non è più l’utente che chiama il Cup, ma viceversa

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento