homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Mestre Today

Prima picchiano e rapinano l'avventore, poi anche due poliziotti: uno finisce in arresto

Serata ad alta tensione in un locale cinese martedì vicino alla stazione. In manette un giovane tunisino. Il compare: "Io in Italia faccio quello che voglio, il giorno dopo esco di prigione"

"Io in Italia faccio quello che voglio, sono dieci anni che sono in Italia, mi avete arrestato un sacco di volte ma dopo un giorno sono fuori. Io sto bene in Italia, non pago le tasse e non le pagherò mai, pago i migliori avvocati e i giudici mi mettono fuori". Ha le idee chiare F.W., 29enne tunisino vecchia conoscenza delle forze dell'ordine. Se ha ragione lo si vedrà, quando il suo compare comparirà davanti al giudice che dovrà decidere quale pena assegnarli. Entrambi devono rispondere di lesioni, minacce e resistenza a pubblico ufficiale. Solo che A.S., 23enne, ha superato il limite e per lui sono scattate le manette.

I due sono accusati di avere picchiato e rapinato un giovane di origini moldave mentre quest'ultimo si trovava in un bar a conduzione cinese a due passi dalla stazione ferroviaria di Mestre, all'altezza dell'hotel Trieste. A un certo punto, verso le 21.30 di martedì, per qualche motivo gli animi si surriscaldano e il  22enne finisce nel mirino di altri due avventori di origini nordafricane. "Fammi vedere cos'hai nello zaino", gli intima uno della coppia. La discussione prosegue all'esterno, dove arriva anche l'altro compare. Sono calci e pugni, ed è soprattutto grazie a un passante se lo sventurato riesce a scappare. Lo zaino, però, lo tengono i suoi rivali.

E' lo stesso rapinato a chiedere aiuto agli uffici della polfer. Ha il volto tumefatto, con ferite alle mani e alle ginocchia: "Erano scappati, ma ora sono dentro al bar. Hanno il mio zaino", spiega. In pochi minuti intervengono le volanti della polizia, che entrano nel locale a conduzione cinese e si avvicinano ai due sospetti: si tratta di F.W. (quello del "Io in Italia faccio quello che voglio") nato in Tunisia nel 1986, residente a Mestre, e A.F., nato nel 1992 in Tunisia, residente a Padova. Quest'ultimo ha perso il controllo, andando in mezzo alla strada facendo finta di urinare in segno di sfida. Poi si è avventato contro gli agenti, spintonandoli, dopodiché ha picchiato più volte la testa contro un pannello in legno. Ferendosi. Una furia.

Sul posto intanto arrivano i rinforzi: testimoni hanno segnalato almeno una gazzela dei carabinieri, oltre che altre volanti della polizia e la polfer. I violenti, sono stati accompagnati negli uffici della polfer, dove, al termine degli accertamenti, sono scattate le manette per il 23enne "esagitato": l'arresto è per resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale. E' stato denunciato, al pari del complice, per rapina aggravata e lesioni in concorso. Gli agenti feriti hanno riportato una contusione alla spalla destra (prognosi cinque giorni) e l’altro contusioni multiple da aggressione (prognosi tre giorni). Il giovane tunisino, prima di essere portato nella camera di sicurezza,  ha consegnato oltre mille euro in contanti. Una somma sospetta, visto che ufficialmente sarebbe nullafacente.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Regalino di Al Fano. E ce lo teniamo.

  • E poi il giorno dopo libero di circolare..... A dimenticavo! con una piccola sanzione poi mai pagata si risolve tutto,e intanto i due agenti della polfer rischiano la vita,facendo il loro lavoro,per nulla!!! solo in Italia

  • Avatar anonimo di SARA
    SARA

    strano tunisini

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Brugnaro e il grande sogno Porto Marghera: "Sviluppo verticale e nuovi regolamenti"

  • Cronaca

    Quale futuro per Porto Marghera? Duemila studenti da tutto il mondo per la risposta

  • Cronaca

    L'ordinanza nella Pec non si apre: "Non sapevamo di dover chiudere il locale"

  • Cronaca

    Produttività, i sindacati lasciano il tavolo: "Rotte le trattative, ci mobiliteremo"

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Treviso-mare, frontale con un camper: muore sandonatese

  • Grosso incendio a Porto Marghera, va a fuoco una gru: fiamme alte 15 metri

  • Si sente male in azienda: muore tra le braccia della moglie

  • Parte uno sparo sulla nave da crociera attraccata a Venezia: "Caos a bordo"

  • Spiagge del Lido più vicine: torna la linea diretta degli autobus Actv da Marghera

  • Orgia in auto con due prostitute: "sul più bello" arriva la polizia municipale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento