MestreToday

Rampa Cavalcavia ex Vempa, parte la sistemazione di marciapiedi e parapetti

Nel tratto sovrastante la bretella di collegamento di via Cà Marcello con via Ronchi. Previsti anche miglioramenti all’illuminazione di Cà Sabbioni, via Forte Marghera, via Selvanese e via Triestina

Rampa Cavalcavia

Per la Rampa Cavalcavia ex Vempa, su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici Francesca Zaccariotto, la giunta ha dato l'ok al progetto di ripristino del marciapiede e del parapetto nel tratto sovrastante la bretella di collegamento di via Cà Marcello con via Ronchi.

I dettagli

Due gli interventi: nel primo è prevista la ricostruzione di tre porzioni di marciapiede sulla rampa. La soluzione progettuale prevista è analoga a quella già adottata per la campata del cavalcavia più a ovest, adiacente alla nuova fermata Actv (oggi in fase di realizzazione). Si procederà quindi con la ricostruzione del bordo in calcestruzzo e, grazie all’inserimento di una struttura in acciaio, si realizzerà il nuovo piano di calpestìo mediante una lamiera di 8 millimetri rivestita con trattamento antiscivolo. Il corrimano sarà realizzato in acciaio inox. Il secondo intervento prevede la realizzazione, con una struttura in calcestruzzo armato, di una soletta di 20/25 centimetri che si appoggia sulle 9 travi principali della rampa. Il piano di calpestio sarà in conglomerato bituminoso e separato dalla sede stradale da una cordonata in calcestruzzo. I parapetti presenteranno colonnine in calcestruzzo, specchiature lavorate in acciaio nero e corrimano in inox.

Tempi e costi

Si tratta di un intervento di 240 mila euro, che avrà una durata complessiva, dal momento dell’inizio dei lavori, di 12 settimane. «Andremo così a dare ulteriore sicurezza a tutti quei pedoni che si trovano a dover transitare per il ponte e che oggi non lo possono fare», spiega l'assessore.

Illuminazione

Al via anche ai lavori di efficientamento energetico degli impianti di illuminazione pubblica della terraferma veneziana. «Stanziamo - commenta l'assessore - 250 mila euro per migliorare la qualità dell’illuminazione pubblica in quattro zone della città. Interverremo al quartiere di Cà Sabbioni, in via Forte Marghera, in via Selvanese e in via Triestina, dove sostituiremo gli apparecchi luminosi al sodio con altri ad alta efficienza a led. Questa delibera andrà non solo ad adeguare l’impiantistica alle normative vigenti, ma anche a migliorare la mobilità nelle intersezioni riducendo l’inquinamento luminoso e aumentando la sicurezza stradale, anche percepita. Il tutto grazie a una corretta illuminazione».

Potrebbe interessarti

  • Consigli anti stress per il rientro dalle vacanze

  • Il Cibo del Risveglio: il convegno nazionale su come vivere fino a 120 anni

I più letti della settimana

  • Schianto auto-moto, due all'ospedale. Bloccato l'autista, guidava ubriaco

  • Schianto in autostrada, morta una 22enne

  • Un bambino salvato sulla spiaggia a Jesolo

  • Scivola e batte la testa, escursionista veneziano portato all'ospedale

  • Due bagnini indagati per l'annegamento a Jesolo

  • Una coltivazione di cannabis individuata dall'elicottero a Sant'Erasmo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento