MestreToday

Residenti in trincea dopo le due rotonde: "Niente strisce pedonali, sicurezza a rischio"

I cittadini dii via Trieste a Tessera chiedono un intervento dell'Anas sulla statale Triestina. Il comitato Marco Polo: "Zero piste ciclabili e fermate Actv irraggiungibili"

Residenti di via Trieste in trincea a Tessera per chiedere una mobilità sicura, al punto che Luigi Corò, portavoce del comitato Marco Polo, ha annunciato l'invio di una istanza al garante del settore. Nel mirino del comitato finisce l'Anas, e l'allargamento della strada statale Triestina e la realizzazione delle due nuove rotonde.

Opere che fluidificano il traffico, ma che evidentemente non vanno a genio ai residenti: "E' stato precluso loro l’uso della bicicletta per raggiungere i servizi del centro abitato - sottolinea Corò - non hanno previsto la pista ciclabile e sulla strada insiste il divieto per questo tipo di mezzi. In più per usufruire del servizio di trasporto pubblico, peraltro non attivo la domenica, i cittadini sono costretti a mettere a rischio la propria incolumità, in quanto mancano passaggi pedonali in una strada a scorrimento veloce, e negli orari notturni pure per l’assenza d’illuminazione". Il giudizio è netto: "Questi cittadini sono stati abbandonati", conclude Corò.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

  • Acqua alta fino a 145 centimetri, bollettino aggiornato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento