MestreToday

Protesta dei conducenti Ncc all'aeroporto di Tessera, disagi al traffico

Una cinquantina di veicoli al Marco Polo: manifestazione contro le norme che dall'1 gennaio metterebbero in difficoltà la categoria

La protesta

Anche a Venezia, come in tante altre città d'Italia, sono in corso le manifestazioni degli operatori delle imprese Ncc (noleggio con conducente): stamattina una cinquantina di veicoli sono arrivati all'aeroporto di Tessera, muovendosi lentamente e creando disagi al traffico. Una volta all'interno dell'ambito aeroportuale il corteo è stato provvisoriamente bloccato dalla polizia, per poi ripartire più tardi in direzione San Giuliano scortato dalla polizia locale. Nuovi rallentamenti si sono quindi verificati intorno alle 12.30 lungo via Orlanda.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Imprese a rischio

L'oggetto delle proteste è il decreto 29/1 quater, la cui entrata in vigore è prevista per il 1° gennaio prossimo. A scatenare il dissenso è la prevista cancellazione ad un emendamento M5s alla legge di Bilancio che avrebbe introdotto alcune misure per liberalizzare il mercato delle auto con conducente, prima tra tutte la possibilità di prendere nuovi clienti senza essere obbligati ogni volta a tornare nella rimessa. Il passo indietro è arrivato con una proposta di modifica dei relatori, che cancella la misura. Il nuovo testo, inoltre, blocca il rilascio di nuove licenze fino a quando non sarà pienamente operativo il nuovo archivio informatico del Mit con l'elenco delle imprese operanti nel settore. «Manifestiamo per l'entrata in vigore di un articolo che era stato sospeso per dieci anni - spiega il portavoce Andrea Giusto - E che renderà il nostro lavoro quasi impossibile. Chiediamo che almeno sia sospeso ulteriormente, poi servirà una nuova legge apposita che regolamenti la categoria in modo diverso da quella dei taxi. Facciamo parte del servizio pubblico non di linea e vorremmo lavorare decentemente: sono coinvolte in Italia 80mila aziende e 200mila addetti».

WhatsApp Image 2018-12-19 at 11.19.26-2

Le regole

«Il governo non intende prorogare la sospensione e intende farla entrare in vigore con delle modifiche che peggiorerebbero ulteriormente la situazione, già difficile», ha spiegato all'Adnkronos Mauro Ferri, presidente di Anitrav, Associazione nazionale imprese trasporto viaggiatori. In base alla proposta di modifica il servizio potrà operare nella provincia senza essere obbligato a tornare in rimessa a patto che sul foglio di servizio siano registrate, «sin dalla partenza dalla rimessa o dal pontile di attracco, più prenotazioni con partenza o destinazione all'interno della provinca o area metropolitana in cui ricade il territorio del Comune che ha rilasciato l'autorizzazione». Sul fronte prenotazioni, andranno effettuate presso la rimessa anche mediante l'uso di strumenti tecnologici, e l'inizio ed il termine di ogni singolo servizio di noleggio con conducente devono avvenire presso le rimesse.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a Ca' Bianca tra tre automobili: morto un uomo, 3 feriti gravi

  • Cronaca

    Stretta sull'abusivismo, carabinieri di Venezia sequestrano articoli per 850mila euro

  • Attualità

    A San Donà il primo intervento di protesi di spalla con l'impiego del sistema Gps a sensori

  • Cronaca

    Calci e pugni per i soldi: sedicenne assalito da un gruppo di coetanei

I più letti della settimana

  • Tragedia a Spinea: si toglie la vita lanciandosi nel vuoto

  • Scossa di terremoto poco dopo la mezzanotte avvertita nel Veneziano

  • È morta Sissy Trovato Mazza: «Chi l'amava non ha mai creduto al suicidio»

  • Sciopero in vista: il personale di Trenitalia incrocia le braccia

  • A fuoco ristorante pizzeria: locale distrutto dalle fiamme

  • Bambina di undici anni rapinata in via Cappuccina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento