MestreToday

Si avvicina il nuovo canile di San Giuliano: ok al cambio di destinazione d'uso dell'area

La proposta di delibera è stata approvata dalla giunta, ora il passaggio in Consiglio. Per la realizzazione della struttura il Comune ha messo sul piatto 1,4 milioni di euro

Il progetto c'è già ed è stato presentato nelle settimane scorse durante un incontro pubblico. Ora si passa alla fase "operativa": la giunta comunale, durante la riunione di mercoledì, ha dato il via libera alla proposta di delibera per il cambio di destinazione d'uso dell'area destinata a ospitare il nuovo canile del parco San Giuliano. 

Piano di riqualificazione complessiva del parco

Il progetto si inserisce nel piano di riqualificazione del parco, con interventi che riguarderanno importanti lavori, a carico dei privati, lungo le rive del Canal Salso, la creazione di strutture fisse al servizio delle grandi manifestazioni, il riordino del polo nautico assieme ad opere complementari con nuovi capannoni per il rimessaggio dei natanti, una pista ciclabile, una nuova idrovora e, per l'appunto, il nuovo rifugio comunale per animali, per il quale l’amministrazione comunale ha stanziato 1,4 milioni di euro. Il progetto prevede la costruzione di una moderna struttura con box singoli e multipli, paddock con uscite e spazi interni recintati, barriere fonoassorbenti per la tutela acustica degli animali che verranno ospitati e un’area per passeggio e sgambamento. La proposta di delibera passa ora alla valutazione delle commissioni e al voto del Consiglio comunale.

"Problema ereditato dal passato"

“E’ stata mantenuta la parola data da questa amministrazione, che ha inserito il progetto del nuovo canile nel piano di sviluppo del parco San Giuliano - è il commento dell’assessore all'Ambiente, Massimiliano De Martin - Ora definiamo la variante urbanistica per il cambio di destinazione d’uso: si tratta del passaggio finale di un percorso che prevede la realizzazione e l’edificazione di nuove strutture migliorative con alti standard a tutela del benessere degli animali che saranno ospitati. Il fatto che, fino ad oggi, questa variante non fosse mai stata presa in considerazione, è la dimostrazione che la precedente struttura era priva di una destinazione urbanistica coerente. Ora, invece, si concede la conformità dell’utilizzo del suolo rispetto alla sua destinazione. Dal 1991 nessuna delle precedenti amministrazioni ha fatto nulla per il rifugio del Cane e per rispondere ad un preciso obbligo di legge: noi stiamo risolvendo un altro problema ereditato dal passato".

Potrebbe interessarti

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • Micosi alle unghie: i rimedi fai da te

  • Zanzare: i migliori repellenti naturali per allontanarle

  • Moscerini della frutta: come eliminarli dalla propria cucina

I più letti della settimana

  • Si tuffa nel Piave: trascinato via dalla corrente scompare un ragazzo veneziano

  • Schianto fra 3 macchine, persone soccorse dal Suem 118 e portate all'ospedale

  • È morto Alex Ruffini, fotografo veneziano del grande rock

  • Pozzecco e la sconfitta: «Al Taliercio non si può giocare. Andate affanculo: spero di perdere la prossima»

  • Schianto in A27, auto fuori strada finisce in un campo: ferite due veneziane

  • «Addetti alla sicurezza non in regola»: il questore mette i sigilli al King's di Jesolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento