MestreToday

Schianto in via Da Verrazzano: un'agente dimessa, gli altri due feriti gravi

La ricostruzione dell'incidente. Il conducente della Fiat Stilo non aveva la cintura

Le auto dopo l'impatto

Un'agente è stata dimessa venerdì mattina, il collega ha riportato un trauma toracico e un altro ferito è ricoverato in rianimazione. E' questo il bilancio del grave incidente stradale avvenuto giovedì sera in via Giovanni Da Verrazzano a Mestre che ha coinvolto un'auto della polizia municipale. Ad avere la peggio è stato il conducente di una Fiat Stilo, un 42enne di Marghera, che sta lottando tra la vita e la morte all'ospedale Dell'Angelo. 

La ricostruzione

L'uomo, stando ai primi rilievi, sembra che non indossasse la cintura di sicurezza e con l'impatto ha sfondato il finestrino con il capo. Lo schianto si è verificato intorno alle 22. Secondo una prima ricostruzione, la macchina della polizia municipale proveniva dalla rotatoria della tangenziale. Dal cimitero arrivava, invece, la Stilo che ha improvvisamente sbandato ed è finita contro l'auto dei vigili, colpendola con la fiancata sulla parte anteriore all'altezza di una semi curva in corrispondenza del bivio per il Terraglio.

Quattro incidenti in un giorno

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno estratto i feriti, tra cui un'agente di 35 anni e un commissario di 58, rimasti intrappolati tra le lamiere, e li hanno affidati agli operatori del Suem che li hanno accompagnati al pronto soccorso. Anche una pattuglia della polizia stradale ha raggiunto il luogo dell'incidente, dove è rimasto per buona parte della nottata anche il comandante della polizia municipale Marco Agostini. In queste ore gli investigatori stanno cercando di fare chiarezza sulla dinamica dello schianto. Il 42enne potrebbe aver perso il controllo della Stilo anche a causa dell'asfalto reso scivoloso da queste giornate di «nebbia ghiacciata». In quella strada giovedì sono stati registrati quattro incidenti. IN mattinata un tamponamento a catena tra tre auto aveva costretto i vigili urbani a istituire il senso unico alternato.

La vicinanza dell'amministrazione

Solidarietà ai feriti è arrivata da parte dell'assessore alla sicurezza di Venezia Giorgio D'Este: «Destino ha voluto che ieri sera l'auto degli agenti venisse investita mentre svolgevano il loro servizio di controllo del territorio provocando serie conseguenze soprattutto per il capo pattuglia - ha detto -. Un episodio casuale che dovrà essere chiarito nei contorni e nella dinamica ma la cosa importante, adesso, è far giungere ad entrambi gli operatori rimasti feriti, oltre che alle loro famiglie, la vicinanza del sindaco e dell’amministrazione. Nelle prossime ore sarà compito mio e del comandante Marco Agostini far visita ai due agenti feriti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento