Mestre Today

Plebiscito.eu, polemica con il Comune: "Ci impediscono la manifestazione in piazza"

Il comizio è in programma per il 7 aprile in centro a Mestre, ma per ora mancano i permessi: "Pratica bloccata da 24 giorni negli uffici comunali, calpestata la libertà di espressione"

La richiesta per la manifestazione c'è ma è bloccata da settimane. E in attesa dell'autorizzazione gli organizzatori restano in sospeso, senza la possibilità di far partire la pubblicità. È la denuncia di Gianluca Busato, leader di Plebiscito.eu, che su Facebook attacca l'amministrazione comunale veneziana: "Da 24 giorni abbiamo ferma in Comune la nostra richiesta per fare un comizio in piazza Ferretto a Mestre - spiega - Ma la pratica è sepolta sotto una coltre di polvere burocratica". Eppure, aggiunge Busato, si tratta di una "normale richiesta di occupazione di spazio pubblico".

Il rischio è che la manifestazione vada cancellata: "Se la situazione non sarà sbloccata entro poche ore - annuncia Busato - Saremo costretti ad annullare l'evento di Mestre del 7 aprile prossimo per mancanza di tempi minimi per preparare una campagna di comunicazione". "Faccio notare - conclude - che il Comune di Venezia è l'unico del Veneto che ci impedisce di organizzare una semplice manifestazione, calpestando un basilare diritto di espressione. Un autentico schiaffo che l'amministrazione comunale darà a chi ha dato voce ad oltre 2 milioni di veneti che vogliono l'indipendenza. E a loro daremo notizia di chi non ha svolto il proprio dovere".

LA REPLICA DEL COMUNE - "E' falso sostenere, come riporta Gianluca Busato sul proprio profilo Facebook, che a bloccare il comizio in piazza Ferretto a Mestre sia il capo di gabinetto del sindaco, Morris Ceron", si dichiara in una nota. A spiegare la situazione è il comandante della polizia locale, Marco Agostini: "Busato ha inoltrato agli uffici preposti una semplice mail di preavviso nella quale annunciava l’intenzione di tenere un comizio di carattere politico in piazza Ferretto senza però allegare le planimetrie e l’inquadramento della manifestazione necessari. Inoltre, va sottolineato che, prima di rilasciare il nulla osta alla manifestazione, si sarebbe dovuta accertare la possibile concomitanza con l’indizione di eventuali comizi elettorali. Nei prossimi giorni  manderemo a Busato, come da prassi, una mail nella quale si chiedono le integrazioni necessarie alla domanda. Se Busato – conclude Agostini – avesse chiamato per chiedere informazioni in merito alla domanda presentata gli avremmo spiegato le ragioni che impedivano una risposta in tempi più rapidi".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti