MestreToday

Nuove case lungo la Vallenari bis: approvato il piano da 20 lotti

È la prosecuzione di un iter partito nel 2012. Previsto un intervento di urbanizzazione nella zona Bissuola sud che comprende la valorizzazione di un'area verde di 7 ettari

L'area Bissuola sud lungo la Vallenari bis (Google Maps)

La giunta veneziana ha dato il via libera al "programma integrato per la zona P.E.E.P. della Bissuola sud", ovvero un progetto di edilizia convenzionata da attuare a Mestre lungo la Vallenari bis. Il piano, secondo l'assessore all'Urbanistica Massimiliano De Martin, permetterà a imprese e famiglie socie delle cooperative di realizzare lì le proprie abitazioni. I soggetti coinvolti, ricorda il Comune, avevano ceduto gratuitamente il sedime delle loro proprietà proprio per la nuova viablità della Vallenari bis. Ora il provvedimento passerà alle commmissioni e quindi al Consiglio comunale per il voto definitivo.

Case e area verde

L'iter era stato avviato con un bando pubblico nel 2012. L’area di intervento ha una superficie di 177.100 metri quadri e prevede una nuova edificazione distribuita su 20 lotti e la cessione di aree e opere di urbanizzazione primaria e secondaria per un totale di 125.210 metri quadri. Inoltre il programma permette di acquisire come patrimonio comunale un’area a verde di quasi 7 ettari che, secondo l'amministrazione, è «di grande valore ambientale per la presenza di aree umide e di specie vegetali ed animali di pregio, meritevoli di essere salvaguardati».

Infrastrutture e viabilità

«Daremo alla cittadinanza un'importante offerta di nuovi alloggi che incrementerà la disponibilità di unità abitative in un ambito a ridosso del centro di Mestre - commenta l'assessore -. In un progetto, già approvato dalle precedenti amministrazioni, abbiamo voluto inserire degli aggiustamenti per quanto riguarda la parte ambientale per mitigare e valorizzare la nuova viabilità comunale che, tra le altre, prevede l'intitolazione di una strada a Tina Anselmi, prima donna ad aver ricoperto la carica di ministro della Repubblica italiana. L'area è già dotata delle principali infrastrutture, collegate alla viabilità principale, con idonei servizi. Inoltre si renderà fruibile una grande area verde».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Coronavirus, i dati aggiornati

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Hanno partecipato al Carnevale di Venezia: scatta la quarantena nel Salernitano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento