MestreToday

Un nuovo look per il parco del Picchio alla Gazzera

Rinnovo dell'area verde grazie al contributo dell'Unione Europea e dei fondi Pon Metro

Nuovi giochi per bambini, un impianto di illuminazione, telecamere di sorveglianza e potatura degli alberi al parco del Picchio della Gazzera. Un nuovo look per un'area verde completamente riqualificata e inaugurata questa mattina alla presenza della presidente della commissione ambientale e urbanistica Lorenza Lavini, gli assessori Paola Mar e Giorgio D'Este, il direttore progetti strategici e ambientali Marco Mastroianni e alcuni consiglieri. 

Costi e finanziamenti

Il progetto è stato finaziato dall'Unione europea e, nello specifico, dal fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) nell'ambito del programma operativo città metropolitana 2014-2020 all'interno dei concept di smart city e inclusione sociale. Un grande contributo per i lavori - 76.613 mila euro di un totale di 112 mila - è stato offerto dai fondi Pon Metro. 

Gli interventi

Gli interventi di riqualifica hanno visto la potatura e la riduzione dell'altezza degli arbusti con spalcatura e innalzamento della chioma degli alberi  (carpini, querce, aceri, cornus); è stato eliminato il sottobosco, predisposto un nuovo impianto di illuminazione con 18 punti luce con lampade a led e ad alta efficienza luminosa. Sono stati illuminati così i viali interni e l'area giochi, quest'ultimo, totalmente rifatta. Sono, infatti, state tolte le giostre presenti e sostituite da nuove adatte a bambini dai 2 anni in su e accessibili anche per bimbi con disabilità. Sono state, inoltre, riseminate le chiarie del prato in prossimità delle aree gioco e lungo i vialetti e ripresi i percorsi pedonali con la stesura di roccia stabilizzata. Anche l'arredo urbano è stato modificato con l'eliminazione di alcune sagome in legno usurate e la ridipintura di altre insieme a panchine, cestini, portabici e doghe. Un ultimo intervento è stato l'installazione di una fontana. 

Per tenere l'area sotto controllo sono state posizionate due telecamere di videosorveglianza collegate via bluetooth a dispositivi mobili dei tecnici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

  • Acqua alta fino a 145 centimetri, bollettino aggiornato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento