MestreToday

Infermiera aggredita e gettata a terra: «Ora basta violenze al personale»

L'episodio ieri al Pronto Soccorso dell'ospedale dell'Angelo di Mestre. Per la donna rotula fratturata con prognosi di circa 2 mesi. Ulss3: «Non dimenticare mai il rispetto reciproco»

Ospedale all'Angelo

Un'aggressione ai danni di un'infermiera dell'ospedale dell'Angelo di Mestre è costata alla vittima una frattura a un ginocchio con prognosi di 2 mesi. L'episodio, avvenuto martedì, è stato segnalato sulla pagina web del sindacato Uil Fpl. «È stata gettata a terra da un paziente psichiatrico che, a causa dell’enorme afflusso di utenza, era stato temporaneamente collocato in un ambulatorio. Sono fatti ormai all'ordine del giorno, anni che lo segnaliamo - scrive Francesco Menegazzi segretario del sindacato -  è giunto il momento che si intervenga in modo più deciso e risoluto a tutela del personale. Ricordo che questo episodio si aggiunge ad altri 2 di qualche tempo fa, quando gli infermieri aggrediti hanno riportato uno una ferita con graffi sul torace, e l’altra la frattura del polso».

«Fischietti, meglio di niente»

«Bisogna che amministrazione e Regione si attivino per mettere i lavoratori a operare in sicurezza, non basta una guardia giurata - dice Menegazzi - perché non ha compiti coercitivi. Al Pronto Soccorso di Mestre accedono circa 90.000 utenti all’anno, con un trend sempre in crescendo negli ultimi anni. Siamo preoccupati – conclude Menegazzi – . Chiediamo che, specie in questa delicata fase, si dedichi più attenzione anche alla sicurezza dei lavoratori. Il personale che opera nell’Ulss 4 è stato dotato di fischietti per allertare chiunque nel caso si verificassero queste situazioni, forse non è la soluzione più brillante, ma è meglio di niente».

Civiltà

«Abbassare i toni, non dimenticare mai il rispetto reciproco, ricordare che in Pronto Soccorso ci sono persone che stanno male, alcuni anche molto male, e ci sono persone che lavorano, e moltissimo, al servizio di chi sta male - sono le parole del primario del Pronto Soccorso Mara Rosada -. siamo vicini all'infermiera e agli altri operatori che hanno subìto aggressioni. Questi eccessi costituiscono episodi isolati, a volte anche motivati, come in questo caso, da disagi di tipo psichiatrico. Ma proprio per isolare questi episodi, chiediamo a tutti gli utenti del Pronto Soccorso di ricordare e di mantenere sempre l'equilibrio nei comportamenti, nelle richieste, nelle esternazioni. ll Pronto Soccorso non è un social network, o un locale pubblico: vi si svolgono funzioni vitali, e non va mai dimenticato che la sua primaria funzione è quella di salvare la vita a chi è in pericolo e di intervenire sulle grandi urgenze».

La formazione degli operatori

«Si è investito molto e sono in corso importanti lavori di ristrutturazione, a dimostrazione del pieno impegno, anche in tema di infrastrutture, verso le necessità dei cittadini - si legge nel sito web dell'Ulss3 -. E a questa risposta aggiungiamo le attività di formazione con cui già i nostri operatori si preparano a gestire le situazioni di difficoltà e di aggressione. Ma solo con la collaborazione dei cittadini utenti e della pubblica opinione possiamo farci carico degli episodi estremi, purtroppo a volte inevitabili, inserendoli e affrontandoli in un clima complessivo di rispetto e di collaborazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • Un nuovo sistema di prenotazione nell'Ulss 3: non è più l’utente che chiama il Cup, ma viceversa

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento