MestreToday

"Nuova vita agli anziani", inaugura il quinto centro Don Vecchi

Mercoledì mattina taglio del nastro per la nuova struttura a due passi Dall'Angelo voluta da don Armando Trevisiol. Sessantacinque alloggi

Le centinaia di sedie poste davanti alla struttura erano tutte occupate. Tanti capelli bianchi, certo, ma anche facce giovani. Del resto ciò che negli anni è riuscito a costruire don Armando Trevisiol a Mestre è qualcosa che anche chi non è ancora andato in pensione merita di conoscere. Mercoledì mattina, infatti, è stato inaugurato il quinto centro Don Vecchi in città. Dopo quelli aperti nel 1994, 2001, 2008, 2011.

La struttura dedicata ad anziani in perdita di autonomia sorge agli Arzeroni, vicino all'ospedale dell'Angelo. In via Marsala. Saranno sessantacinque gli alloggi a disposizione, per una rete che da vent'anni continua ad allargarsi sempre più. Il centro è stato realizzato in un solo anno grazie anche al cofinanziamento della Regione da 2,8 milioni di euro, oltre a donazioni private arrivate anche attraverso l'iniziativa chiamata "Paradiso bond". Una raccolta fondi che ha permesso di introitare circa un milione e mezzo di euro. Ma già si guarda oltre. Alla sesta struttura già progettata sulla carta e che potrebbe ospitare anche donne e uomini separati alle prese con difficoltà economiche. Una piaga che negli ultimi anni si sta allargando sempre più.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tagliare il nastro c'era anche l'assessore regionale alle Politiche sociali Remo Sernagiotto: "Questa è l’ennesima dimostrazione che la politica, aldilà dei colori e delle fazioni, può fare del bene e portare a termine grandi progetti - ha commentato - Grazie in primis a don Armando Trevisiol che con forza d’animo ed energie si è impegnato e ha voluto fortemente la nascita di questo quinto centro Don Vecchi. Lui come me guarda con favore alla domiciliarità dell’anziano, perché tra autosufficienza e non autosufficienza c’è di mezzo un mondo meraviglioso. Dobbiamo giocare la partita del welfare community, della comunità protagonista che sa stare assieme".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

  • Bollettino serale, registrati tre decessi in provincia

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento