MestreToday

Il Marzenego - Osellino sarà riqualificato

Ok al progetto di riqualificazione ambientale del basso corso del fiume: prevede tra l'altro la riorganizzazione dei posti barca, un pontile e un ponte ciclopedonale

È stato approvato all'unanimità dal Consiglio comunale il progetto di riqualificazione ambientale del basso corso del fiume Marzenego-Osellino. L’intento, secondo il provvedimento, è disinquinare la laguna, bonificare i fondali, migliorare la sicurezza idraulica, rinatulizzare e ricalibrare il canale, sistemare e rendere fruibili i posti barca. Il piano prevede una riconfigurazione degli spazi per ottenere una corretta regolamentazione dei posti barca: ne sono previsti 380 lungo via Vespucci e 507 in zona Campalto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In base a un emendamento di giunta dovranno essere messe in atto tutte le procedure amministrative necessarie per garantire agli intestatari delle concessioni acquee un ottenimento rapido degli atti, prevedendo inoltre, in accordo con il Consorzio di Bonifica, la definizione di un progetto di un pontile affinché i concessionari siano esentati dalla presentazione di singoli progetti. L’assemblea di Ca’ Farsetti ha anche dato via libera al progetto per la realizzazione di un ponte ciclopedonale sul fiume Osellino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento