MestreToday

Droga e abusivi, i tre anni di Sanna alla polfer di Mestre

Va in pensione al termine di una lunga carriera in polizia. Sull'eroina dice: «L'aria è cambiata, ma il problema resta»

Giorgio Sanna termina la sua carriera in divisa e lascia gli uffici della polizia ferroviaria di Mestre, di cui è stato dirigente negli ultimi 3 anni, per andare in pensione. Sono stati anni significativi, anche se molto diversi da quelli in cui, ad esempio, si è trovato a far fronte alle rapine con Kalashnikov della banda di Maniero. Tra le operazioni più importanti a Mestre ci sono state quelle legate all'eroina. A partire dai morti per overdose, alcuni dei quali sono stati trovati proprio dagli agenti della polfer. «Quella della stazione è un'area delicata - ha detto - perché i traffici passano di qui e i tossicodipendenti vengono per cercare la droga. Il fenomeno è cambiato dopo l'arresto della banda dei nigeriani, a luglio 2018. Però in parte si è già riavvicinato, anche se in forma più lieve». Un altro fenonomeno affrontato e debellato in questi anni è stato quello dei portabagagli abusivi che importunavano i turisti scesi dai treni. «Li abbiamo avuti a lungo - spiega Sanna - Abbiamo cominciato a stargli dietro quotidianamente e alla fine, grazie ai daspo emessi dal questore, se ne sono andati. In tutto 10-15 persone».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arruolato in polizia nel 1980, Sanna ha iniziato la sua carriera nella stradale a Modena e più tardi è passato alla squadra mobile: nel 1994 affrontò la banda della mala del Brenta, impegnata in una rapina con sparatoria all'ufficio postale della città emiliana, partecipando alla cattura dei responsabili: Tamiazzo, Pulze e i fratelli Meneghetti. Dal '97 passò in Sardegna dove, tra l'altro, si è occupato del sequestro di Silvia Melis. È rimasto a Sassari fino al 2016, anno del trasferimento a Venezia. Sotto il suo comando, la polfer mestrina ha eseguito 59 arresti e 900 denunce, su un totale di quasi 40mila persone identificate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento