MestreToday

Intesa tra Comune e Marco Polo su Forte Marghera: "Ca' Farsetti ora ha le sue aree"

Dopo l'arrivo di recente della polizia locale nell'ex compendio militare, ora il Comune è entrato in pieno possesso dei locali che gli spettano. La società potrà usare la sua sede

La querelle si era contraddistinta anche per un intervento della polizia municipale, che a Forte Marghera una mattina si è presentata intimando alla Marco Polo System di lasciare gli spazi che sarebbero dovuti finire in mano alla Fondazione che, dopo il cambio di gestione, ora dovrà amministrare l'ex compendio militare mestrino. Ora, dopo incontri e riunioni, si è finalmente giunti a una soluzione. Almeno secondo una nota di Ca' Farsetti, che dichiara di essere "rientrato in pieno possesso degli immobili facenti parte del compendio immobiliare denominato 'Ex Forte Marghera'"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non che la Marco Polo System non volesse lasciare i locali alla nuova realtà. La sua richiesta a Ca' Farsetti era di trovare una sede alternativa per portare avanti le loro attività, visto che nello statuto della società sarebbe stato messo nero su bianco che sarebbe dovuto essere compito del Comune, socio di Marco Polo System. "A seguito delle intese formalizzate con verbale del 25 novembre 2016, con cui la Marco Polo System non si è opposta all'immissione in possesso da parte del Comune degli immobili in questione, sono stati sottoscritti in data odierna (lunedì, ndr) i verbali di consegna tra il Comune, la Marco Polo System e le associazioni presenti al Forte, con contestuale consegna al Comune delle chiavi degli immobili", sottolinea la nota. Si è trovata una soluzione di compromesso per sbloccare la situazione: "La Marco Polo System G.E.I.E., così come sottoscritto nel verbale del 5 dicembre 2016, manterrà l'uso dell'edificio 'n. 27' e di porzione dell'edificio 'n. 56', fino alla data del 30 giugno 2017 e comunque non oltre la definizione della controversia sullo scioglimento del G.E.I.E. avanti al giudice ordinario", conclude Ca' Farsetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento