MestreToday

Esche sospette segnalate nel bosco di Favaro. Durante le ricerche spunta una cassaforte

I Rangers sospettano la presenza di bocconi contenenti veleno. Nel frattempo è stato trovato un forziere probabilmente provento di qualche furto

Comunicano i Rangers D'Italia:

"Continuano senza esito le ricerche effettuate dal reparto zoofilo dei Rangers d’Italia di possibili tracce collegate alle esche sospette rinvenute e segnalate da un cittadino di Favaro all’interno del Bosco Ottolenghi. La segnalazione risale alla Vigilia di Natale: l'uomo, passeggiando con il proprio cane, ha rinvenuto dei bocconi sospetti nel verde. Da quel giorno le esche sottoposte ad analisi sono ancora in attesa di esito per comprendere se possano contenere qualche sostanza nociva.

Ma le sorprese non finiscono all’interno dell’area “Ottolenghi”. Nella serata di ieri viene rinvenuta una piccola cassaforte forzata oggetto di abbandono in seguito ad un probabile furto da qualche abitazione. Immediato anche l’intervento della polizia, cui è spettato il compito di recuperare l’oggetto per il continuo delle indagini."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Coronavirus, i dati aggiornati

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Hanno partecipato al Carnevale di Venezia: scatta la quarantena nel Salernitano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento