MestreToday

Atterra un uomo e gli punta contro un coltello: disarmato dai carabinieri, un ferito

È successo oggi pomeriggio in piazzale Donatori di Sangue a Mestre. Un 28enne e un 61enne protagonisti di una violenta lite tra la gente. Il giovane ha minacciato i passanti

Al culmine della lite il più giovane ha estratto un coltello da macellaio e ha atterrato l'avversario, un 61enne, puntandoglielo contro e stringendogli il collo con l'altra mano. Tutto attorno i passanti hanno assistito alla scena ma non sono riusciti a intervenire: il ragazzo armato, infatti, urlava e minacciava di morte chiunque cercasse di avvicinarsi.

È successo nel primo pomeriggio di oggi, lunedì 4 febbraio, in piazzale Donatori di Sangue, nel centro di Mestre. L'uomo è rimasto ostaggio dello scalmanato per alcuni minuti. I carabinieri del Norm sono arrivati quasi subito, dando il via alle delicate operazioni di mediazione: era necessario, infatti, neutralizzare il violento evitando che facesse del male a qualcuno. Gli uomini in divisa hanno agito con freddezza: uno di loro lo ha distratto mentre un collega, da dietro, lo ha immobilizzato e disarmato.

Identificato, il giovane è risultato un 28enne di nazionalità romena. Italiano invece il 61enne, che avrebbe rimediato solo dei leggeri tagli al volto e per questo è stato medicato all'ospedale. Il giovane è pluripregiudicato e non nuovo a episodi di questo genere. Stando ai primi accertamenti, i due si conoscevano e avevano trascorso insieme i minuti precedenti. Avrebbero dato il via alla lite per futili motivi, forse per una sigaretta negata. Lievi ferite anche per due dei militari dell'Arma a causa della colluttazione nei momenti concitati dell’arresto. Al 28enne sono contestati i reati di violenza privata, minacce e lesioni gravi e resistenza a pubblico ufficiale: è stato portato in carcere in vista della direttissima del giorno successivo, al termine della quale il giudice ha convalidato l'arresto disponendone la custodia cautelare in carcere. L'avvocato difensore ha chiesto il termine a difesa.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • lavori forzati ci vorrebbero! Non posso credere di vivere in una città che ha nel profondo tutta questa cattiveria! a mia figlia come faccio a spiegarle che quello che succede per strada non è parte della sua vita.... chi decide i limiti? quante ne dobbiamo vedere ancora? queste cose fanno male al cuore e alla mente! ci fanno cambiare... in peggio!!

    • Hai ragione

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tre rapine a mano armata nei supermercati: è stato Esposito, già in carcere per omicidio

  • Campalto

    Rapinatore armato assalta l'ufficio postale: arresto lampo in nove minuti

  • Cronaca

    Incendio nella sala macchine di una motonave

  • Cronaca

    Picchia per anni la fidanzata anche con una cinghia, arrestato

I più letti della settimana

  • Incendio in appartamento a Venezia, morta una donna

  • Soldi addebitati dal conto corrente: boom di segnalazioni per la nuova truffa

  • Cardiologie aperte, visite gratuite negli ospedali veneziani

  • Incidente mortale in autostrada, 4 auto coinvolte: morta una donna

  • Tre quintali di prodotti ittici sequestrati e sporcizia: sospeso ristorante a Venezia

  • Ritrovata legata ad un palo la bici rubata di Fausto Coppi: i ladri la riportano a Villa Farsetti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento