MestreToday

Troppi precari e poco personale, educatori delle scuole dell'infanzia scendono in piazza

Si sono ritrovati alle 10.30 di sabato mattina, in piazza Ferretto a Mestre, per sensibilizzare la cittadinanza e chiedere risposte al Comune su un servizio delicato ed essenziale

In Piazza Ferretto per far sentire la propria voce. I lavoratori precari delle scuole dell'infanzia comunali e degli asili nido a partire dalle 10.30 di sabato mattina si sono ritrovati in quello che è il salotto buono della città nonostante il maltempo per sensibilizzare la cittadinanza e l'amministrazione comunale veneziana sulle problematiche e sulle esigenze di un servizio tanto delicato quanto fondamentale per tutta la comunità.

Non solo precari. Anche educatori ed insegnanti di ruolo hanno fatto sentire la propria solidarietà, partecipando in modo attivo e denunciando quello che manca a sostegno della loro attività lavorativa, per poter garantire un servizio di qualità. "Il personale è deficitario - spiegano dal Diccap, sindacato che ha organizzato l'iniziativa - e molti lavoratori e lavoratrici sono precari: si tratta di due circostanze che non permettono delle condizioni di lavoro che garantiscano la sicurezza dei bimbi e la serenità del personale". Il corteo dopo essersi fatto sentire in piazza Ferretto si è spostato davanti al municipio di Mestre di via Palazzo al grido: "Non vogliamo precarietà ma servizi di qualità". Tra fischietti e slogan.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quello che gli educatori chiedono sono delle condizioni di lavoro sostenibili. "L'affatticamento del personale non è più sostenibile - incalza il Diccap - La prima risorsa dei servizi educativi sono le operatrici e gli operatori che vanno preservati e sostenuti, non certo abbandonati. Un educatore stressato - sottolineano - non potrà mai svolgere al meglio il suo ruolo. La buona scuola parte dagli insegnanti e la città riparte dai cittadini di domani: bisogna difendere chi eroga i servizi, per difendere chi li riceve".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento