MestreToday

La "maledizione" del tram: ancora una bomba sotto la stazione di Mestre

Gli operai che lavorano nella costruzione del sottopasso verso le 13.45 si sono dovuti fermare. I sensori hanno rilevato ancora una volta, dopo la prima scoperta, un nuovo ordigno

La "nuova" bomba trovata sotto la stazione

Un bombardamento a tappeto quello del 1944 a Mestre. La dimostrazione la sia sta avendo in questi giorni. A decenni di distanza. Sotto la stazione, infatti, continuano a essere rinvenuti residuati bellici. Dopo la prima scoperta di un ordigno del 25 gennaio scorso tra il binario 6 e 7, ora il cantiere di costruzione del sottopasso del tram tra Mestre e Marghera ha dovuto fermarsi di nuovo dopo che i sensori avevano segnalato la presenza di metallo. Il sospetto, verso le 13.45, si è tramutato in realtà: un'altra bomba d'aereo (120 chili di tritolo) si trovava a poca distanza dalla prima. Vicino al binario 1. Proprio dove sorgerà la stazione d'arrivo del tram, a una profondità di sei metri.

Per l'ennesima volta la galleria è stata evacuata in attesa dell'arrivo del Genio militare da Udine. Il cantiere quindi è "off limits" a tutti, meno che alle forze dell'ordine. Domani in Prefettura, quindi, non si parlerà di un solo ordigno bellico, ma di due. Al tavolo si siederanno tutte le autorità competenti per decidere, sulla scorta delle indicazioni degli esperti del Genio militare, quando attuare i lavori di bonifica. Con ogni probabilità la data prescelta sarà lunedì prossimo, il giorno con meno afflussi di turisti per il Carnevale in centro storico. Ma l'intervento non sarà certo facile, visto che le due bombe si trovano a poche decine di metri di distanza.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

  • Acqua alta fino a 145 centimetri, bollettino aggiornato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento