MestreToday

Era ricercato a Bolzano per spaccio, viene scovato in un bar di Mestre

Un cittadino di origine tunisina è stato rintracciato dai carabinieri in un locale pubblico in zona Piave. Arrestato, l'uomo è stato poi portato nel carcere di Santa Maria Maggiore

Sulla sua persona pendeva un ordine di carcerazione spiccato dall'autorità giudiziaria di Bolzano. Un cittadino di origine tunisina nel weekend è stato rintracciato dai carabinieri del Nucleo operativo di Mestre in un bar di zona Piave. L'uomo, resosi responsabile di spaccio di stupefacenti, è stato arrestato e portato nel carcere di Santa Maria Maggiore.

La stessa sorte è toccata anche a un cittadino 43enne di origine serba, ricercato dalla magistratura perché colpevole di una ricettazione commessa nel 2004 a Scorzé. L'uomo, una volta scoperto dai militari dell'Arma di Marcon, per sfuggire all'identificazione ha esibito un documento d'identità falso. Di conseguenza oltre alla condanna precedente, il 43enne è stato denunciato per possesso di documenti falsi e falsa attestazione d'identità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento