MestreToday

Dati e proiezioni al Festival della politica. Pagnoncelli e Brugnaro a confronto sulle percezioni

Una realtà fatta «su misura» quella raccontata dal sondaggista. «La gente preferisce informarsi su Internet che dai quotidiani». Sindaco: «È compito della politica agire sulle sensazioni dei cittdini»

Festival della politica, piazza Ferretto

«Se dispiace la fine del governo giallo verde? Forse anche no, considerato che è andato via Toninelli. Ce l'avevo qua», dice il sindaco Brugnaro, facendo il gesto di toccarsi la gola, mentre pronuncia il nome dell'ex ministro delle Infrastrutture pentastellato. Scende dal palco che ha ospitato il dibattito con il sondaggista Nando Pagnincelli, il primo cittadino di Venezia, giovedì sera, al festival della politica della Fondazione Pellicani. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Percezioni e realtà

Un Paese «emotivo e pieno di contraddizioni», ha spiegato Pagnoncelli, caratterizzato da «una forte frammentazione identitaria». Un Paese tra i primi posti in fatto di distanza tra percezione e realtà, per tre motivi principali, spiega il sondaggista: «basso tasso di scolarizzazione, connotazione emotiva degli eventi e cambiamento repentino della dieta mediatica» dei cittadini. Crollano le vendite dei giornali e lievita esponenzialmente invece l'utilizzo di Internet per infromarsi». Ci sono temi sui quali il dato numerico non basta, spiega Brugnaro, stando sul tema dei sondaggi. Ad esempio: «non è quanti sono i migranti che conta, ma la percezione. Non è che la gente è cattiva. La sensazione è diversa, se c'è o meno la forza pubblica. Io l'ho detto a Renzi, state sbagliando. I controlli alle frontiere vanno fatti - continua il sindaco -. Perché qui il tema vero è l'integrazione, non l'accoglienza. E per integrarsi bisogna guadagnarsi il rispetto, con il lavoro - sottolinea, ricordando l'esperienza del ghetto ebraico veneziano 500 anni fa -. Persone che rimanevano chiuse ma che sono riuscite a guadagnarsi la fiducia dei veneziani dimostrando di produrre ricchezza, erano mercanti. L'integrazione la devi volere davvero. Nessuno gli ha regalato nulla - afferma il sindaco - la percezione è quello che conta ed è la politica che ha il compito di agire sulla percezione dei cittadini».

La sicurezza

Poi Brugnaro torna sul territorio e il tema caro della sicurezza: «In certe zone di Mestre la gente usciva a portare l'immondizia con la mazza da baseball. Ed è chiaro che occorre una riforma della giustizia, perché se prendi uno deve rimanere in cella, se esce il giorno dopo la gente non ti segue più, ed è normale che ci sia disaffezione per la politica. A Venezia abbiamo lavorato sulla pulizia, sul decoro, su fatti concreti. C'era chi vomitava e si lavava sulla fontana in centro. Su queste cose non dobbiamo mollare, altrimenti è finita. Quando dico no smoking il senso è questo, è una sfida educativa che dobbiamo vincere - dice il sindaco, ricordando quanto il senso del bello e dell'arte tradizionalmente abbiano pesato sulla nostra cultura e i nostri valori. «Che vanno rispettati», ricorda. E poi torna sull'ordine pubblico e il tema del bilancio, la sfida vinta sul debito, «calato di 78 milioni grazie alla città, alle società e alle partecipate. Se penso che il Casinò doveva essere chiuso e ora produce utili. Ed è così che il Paese dovrebbe fare, seguire le buone pratiche, andremmo meglio tutti».

Programma

Venerdì secondo giorno del Festival mestrino della politica. I cambiamenti climatici al centro dell'incontro delle 19 in piazza Ferretto, che vede protagonista Ségolène Royal, già ministro dell’Ambiente francese. Animerà l'incontro Nicola Pellicani. Da Venezia, città che subisce i cambiamenti climatici,  parte un messaggio chiaro e forte per la necessità di una soluzione dell’emergenza ambientale. La giornata si conclude al Chiostro M9, con “1948: l'anno che ha cambiato la storia degli italiani”, con Edoardo Pittalis e Gualtiero Bertelli. Appuntamento alle 21.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave incidente nautico al Lido, tre morti

  • Appartamento divorato dalle fiamme: chiusa la strada

  • Un uomo trovato morto in casa per overdose

  • Torna il maltempo, previsti temporali in tutto il Veneziano

  • Spettacolare inseguimento tra Caorle e San Donà: l'auto si schianta, un arresto

  • Lite tra un turista e un gondoliere, il video diventa virale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento