MestreToday

Titolare della tabaccheria insegue il rapinatore, arresto lampo in tre minuti

Il colpo giovedì all'ora di pranzo. Il malvivente, pregiudicato, è entrato nel negozio e si è fatto consegnare 800 euro fingendo di avere con sé una pistola. Poi è fuggito

La titolare ha seguito la direzione del malvivente che è stato fermato dalla polizia

Ha finto di essere armato, servendosi della protesi che ha al braccio, e si è fatto consegnare l'incasso. Ma la titolare, non appena è uscito dal negozio, lo ha inseguito. Tre minuti più tardi una pattuglia di passaggio della polizia stradale lo ha fermato. E' finito in manette S.N., rapinatore seriale con alle spalle diversi precedenti, dopo aver messo a segno un colpo giovedì all'ora di pranzo in via Bissuola, a Mestre. 

L'uomo, 44enne di Monastier, ha fatto irruzione nella «Toto tabaccheria» all'incrocio con via Ca' Rossa, a poche decine di metri dal commissariato, poco prima delle 13. Ha minacciato i due titolari, fingendo di avere una pistola. Una modalità che aveva utilizzato già in passato. Nel 2004, ad esempio, in un supermercato di Roncade. I gestori gli hanno consegnato 800 euro. 

S.N., con il bottino, si è dileguato percorrendo via Bissuola. La titolare, mentre chiamava la polizia, ha seguito i suoi movimenti e li ha comunicati agli agenti che, poco dopo, lo hanno bloccato e arrestato. Sabato mattina è prevista l'udienza di convalida. 

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento