MestreToday

Si era rifugiato in casa di un'amica per sfuggire alla cattura, pusher trovato sotto il letto

Un 28enne di origini marocchine rintracciato dai carabinieri in un'abitazione in zona Bissuola e portato in carcere. La donna è stata tenuta d'occhio per un po', quindi è scattato il blitz

Scoperto a nascondersi in casa di un'amica per evitare il carcere. Ma il tentativo di un pusher di 28 anni, A.K., di origini marocchine, è fallito. Lo hanno trovato mercoledì mattina i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Venezia, arrestandolo. Su di lui pendeva un ordine di carcerazione della procura per una pena di un anno e tre mesi di reclusione, oltre a 4mila euro di multa, per reati di spaccio nei parchi di Mestre. Fatti commessi tra maggio e settembre 2016.

Pedinamenti

Il giovane aveva trovato rifugio a casa di una conoscente di origini italiane residente in una laterale di via Bissuola, poco distante dal parco. Proprio il legame con la donna ha indirizzato gli investigatori sulle sue tracce. Hanno monitorato le attività quotidiane della ragazza, osservandola mentre faceva acquisti di alimentari o si spostava in auto, finché si sono convinti che il ricercato si nascondesse a casa sua.

In carcere

A quel punto sono entrati nell'abitazione. Non si sono lasciati convincere dalla donna, che negava la presenza dello spacciatore, e lo hanno cercato individuandolo nella camera matrimoniale, nascosto sotto il letto. Gli accertamenti hanno consentito di appurare che il pusher aveva dichiarato diversi alias, fin dall’anno 2008, nel corso di altri arresti sempre per droga. È stato portato in carcere.

Potrebbe interessarti

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • Micosi alle unghie: i rimedi fai da te

  • Zanzare: i migliori repellenti naturali per allontanarle

  • Moscerini della frutta: come eliminarli dalla propria cucina

I più letti della settimana

  • Si tuffa nel Piave: trascinato via dalla corrente scompare un ragazzo veneziano

  • Schianto fra 3 macchine, persone soccorse dal Suem 118 e portate all'ospedale

  • È morto Alex Ruffini, fotografo veneziano del grande rock

  • Pozzecco e la sconfitta: «Al Taliercio non si può giocare. Andate affanculo: spero di perdere la prossima»

  • Schianto in A27, auto fuori strada finisce in un campo: ferite due veneziane

  • «Addetti alla sicurezza non in regola»: il questore mette i sigilli al King's di Jesolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento