MestreToday

Superalcolici a minorenni in centro a Mestre: sanzionato il gestore di un bar

È successo ieri. Gli agenti della Municipale tenevano sotto tiro il locale perché ritrovo di spacciatori tunisini. Durante l'appostamento in borghese, la scoperta

Bevevano shottini uno dietro l'altro nonostante fossero minorenni. Per questo motivo gli agenti del Nucleo operativo della polizia locale di Venezia hanno elevato 3 sanzioni al gestore di un bar situato in pieno centro a Mestre. Il locale era finito nel mirino degli operatori perché scelto da alcuni cittadini tunisini come punto d'appoggio per le proprie attività di spaccio: durante gli appostamenti, però, gli operatori si sono accorti che alcuni minori frequentavano spesso il bar consumando tranquillamente superalcolici al banco e sul marciapiede di fronte.  

Tutti minorenni

L'intervento è scattato nella tarda serata di ieri, quando gli operatori in borghese del Nucleo hanno deciso di controllare l'età dei ragazzi che, verso le 23.45, stavano bevendo i superalcolici. Il gruppetto era entrato nel locale, aveva parlato con il banconiere, e si era fatto mettere sul vassoio una decina di bicchierini di superalcolici, poi posizionati su un tavolino all'esterno. Nel momento in cui tre giovanissimi hanno preso in mano il proprio bicchiere, gli agenti li hanno bloccati e li hanno identificati, scoprendo che erano, per l'appunto, tutti minorenni.

Le sanzioni

Il primo verbale amministrativo ha comportato una sanzione di 330 euro, i due successivi, invece, sono stati di 660 euro ciascuno. Come sanzione accessoria è prevista la sospensione dell'attività da 15 giorni a 3 mesi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave incidente nautico al Lido, tre morti

  • Appartamento divorato dalle fiamme: chiusa la strada

  • Un uomo trovato morto in casa per overdose

  • Torna il maltempo, previsti temporali in tutto il Veneziano

  • Spettacolare inseguimento tra Caorle e San Donà: l'auto si schianta, un arresto

  • Lite tra un turista e un gondoliere, il video diventa virale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento