MestreToday

Aumenta il consumo di droga, Frison: «Eroina gialla ancora presente sul mercato»

Il parere dell'esperto: «Fenomeno che si fatica a fronteggiare. Importante collaborare»

Giampietro Frison, direttore del laboratorio di tossicologia forense dell'Ulss 3 Serenissima

«La domanda di eroina non è calata, come non è diminuita la richiesta di qualsiasi stupefacente. E' aumentato l'uso della cannabis e anche della cocaina. Il consumo c'è, si fa fatica a fronteggiarlo». A parlare è Giampietro Frison, direttore del laboratorio di tossicologia forense dell'Ulss 3 Serenissima, che insieme ai suoi esperti negli ultimi anni ha analizzato molti campioni della droga sequestrata nelle strade di Mestre. A cominciare dall'eroina gialla, quella sostanza killer venduta dai pusher nigeriani che ha provocato una lunga lista di overdose, in molti casi fatali. 

«Il boom del fenomeno dell'eroina gialla è stato nel 2017 e in parte del 2018 - spiega Frison -. Questa sostanza è diminuita, ma continua a essere presente sul mercato insieme a quella "tradizionale". La collaborazione tra le varie strutture sanitarie ha contribuito a fronteggiare il fenomeno». Anche se solo in parte, perchè la domanda continua a essere alta e i clienti aumentano, anche tra i pià giovani. A dimostrarlo c'è anche il numero di acquirenti fissi dell'organizzazione smantellata lunedì mattina dai carabinieri: almeno 120, tra cui una ventina di minorenni. 

Potrebbe interessarti

  • Consigli anti stress per il rientro dalle vacanze

  • Il Cibo del Risveglio: il convegno nazionale su come vivere fino a 120 anni

I più letti della settimana

  • Schianto auto-moto, due all'ospedale. Bloccato l'autista, guidava ubriaco

  • Schianto in autostrada, morta una 22enne

  • Un bambino salvato sulla spiaggia a Jesolo

  • Scivola e batte la testa, escursionista veneziano portato all'ospedale

  • Due bagnini indagati per l'annegamento a Jesolo

  • Una coltivazione di cannabis individuata dall'elicottero a Sant'Erasmo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento