MestreToday

Il ladro fa troppo rumore: residente si sveglia e lo segnala alla polizia. Scatta l'arresto

In manette un 37enne tunisino che aveva cercato di penetrare in un alimentari a conduzione cinese in via Piave. Il malintenzionato ha cercato di fuggire: bloccato in via Carducci

Un residente si sveglia per i rumori e sventa un furto in atto, permettendo alla polizia di arrestare un malvivente colto in flagrante. E' successo nella notte tra domenica e lunedì in via Piave a Mestre: una coppia di delinquenti aveva messo nel mirino un alimentari a conduzione cinese. Sono stati traditi dalla troppa confusione causata dal tentativo di forzare la saracinesca dell'esercizio commerciale. Il residente si è affacciato alla finestra, segnalando al 113 di vedere un cittadino straniero che stava usando le "maniere forti" nei confronti del negozio. Gli agenti sono riusciti a bloccare il ladro mentre quest'ultimo, con ogni probabilità allertato da un "palo" poi fuggito, stava cercando di scappare in sella a una bicicletta. Il malvivente è stato raggiunto e bloccato in via Carducci.

Durante la corsa in bici è stato visto mentre si liberava di parte della refurtiva, in particolare di 15 bottiglie di birra, nonché di uno strumento da scasso, ovvero un tondino di ferro, successivamente recuperato e sequestrato. La perquisizione personale ha permesso di requisire anche un piccolo piede di porco e un martelletto frangivetro, entrambi utilizzati per penetrare nell'alimentari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sopralluogo ha permesso di verificare che il cittadino tunisino aveva tentato di rubare un personal computer, verosimilmente abbandonato nel momento in cui si è accorto che stava sopraggiungendo la polizia. In tasca, tra l’altro sono state trovate alcune monete che il titolare del negozio ha riconosciute come proprie. Al termine degli accertamenti si è scoperto che il fuggitivo aveva presentato agli agenti generalità false e che era inottemperante all'ordine del questore di lasciare il territorio nazionale. A quel punto è scattato l'arresto in attesa della direttissima di lunedì mattina. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti del 24 marzo sera

  • Quasi 6000 positivi al coronavirus in Veneto, altri morti in provincia

  • Quasi 900 positivi in provincia, altri 2 morti all'ospedale di Dolo

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

Torna su
VeneziaToday è in caricamento