MestreToday

Truffatori scatenati: altra anziana raggirata, delinquente in fuga con quasi 6mila euro

E' successo martedì in via Camporese. Un finto avvocato ha telefonato a una 92enne spiegando che la nipote era in stato di fermo dai carabinieri: "Per liberarla serve pagare"

Continuano a imperversare e a derubare anziani indifesi. Criminali senza scrupoli, pronti ad approfittare del buon cuore di chi è in là con gli anni mettendo a segno colpi piuttosto ingenti. I truffatori solo di recente hanno messo a segno un furto da 35mila euro in zona Carpenedo per poi ripulire un'altra vittima ultranovantenne di 12mila euro in via Calvi a Marghera. Ora l'ultimo episodio simile, in via Felisati.

E' accaduto verso le 10 di martedì. Vittima una 92enne che ha consegnato a un delinquente che si è presentato alla sua porta circa 5.500 euro in contanti. Il piano è sempre lo stesso: verso le 10 la signora ha ricevuto una telefonata. Una voce maschile spiegava di essere un avvocato che sta difendendo la nipote della vittima: "Ha fatto un incidente ed è stata arrestata", spiega l'uomo. Naturalmente è tutto falso, ma la 92enne abbocca: "Si trova in stato di fermo dai carabinieri, per il suo rilascio bisogna pagare una multa da 6mila euro", continua il truffatore, che parla in italiano senza inflessioni dialettali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spiega che di lì a poco sarebbe passato un suo incaricato per riscuotere il denaro. Cosa che puntualmente avviene. Verso le 12 un uomo suona al campanello di casa: "Sono qui per i soldi, signora", si presenta. L'anziana gli consegna subito 3.500 euro in contanti, ma lui ne chiede di più. Serve pagare tutta la multa. A quel punto la signora avrebbe racimolato altri 2mila euro, mettendoli in una busta. Poi si sarebbe allontanata per chiedere aiuto alla vicina. Al ritorno della vittima nell'abitazione, purtroppo non c'era più nessuno. Né il truffatore, con la barba incolta e alto circa 170 centrimetri, né la busta con i soldi. L'allarme viene lanciato troppo tardi. I parenti della 92enne chiamano la polizia, ma le ricerche in zona non hanno avuto esito. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento