MestreToday

Un anno fa le rubano il suo pegno d'amore, ora le trafugano anche quello del marito

Una 78enne martedì è stata derubata "con destrezza" del bracciale d'oro appartenuto al defunto marito. Dodici mesi prima le era stato sottratto uno identico da una scippatrice

A distanza di un anno è stata derubata dei due braccialetti che aveva. Gioielli in oro di un certo valore che erano appartenuti a lei e al marito. Entrambi sono stati trafugati a distanza di circa dodici mesi a Mestre in modi simili, vittima sempre lei: una donna di 78 anni residente in via Predazzo, a due passi da via San Donà a Mestre. Nel primo caso venne abbracciata da una donna che si era presentata come una parrucchiera "sua amica". Ci volle poco al tempo per capire che in verità la malvivente le aveva sottratto il braccialetto dal polso in pieno centro. Ma ormai era troppo tardi. Con il passare dei mesi, poi, purtroppo il marito è mancato. E l'anziana in suo ricordo ha iniziato a indossare il braccialetto di lui. Un gioiello dal valore affettivo enorme. 

Non aveva fatto i conti però con altri delinquenti che per qualche motivo (non è escluso che abbiano "studiato" le abitudini della vittima) hanno deciso di entrare in azione martedì verso mezzogiorno. La 78enne si trovava in garage e a un certo punto ha visto avvicinarsi un'auto di colore nero, o comunque scuro. "Mia madre è uscita dal box per capire se avevano bisogno d'aiuto - spiega la figlia - pensava a qualcuno che cercava di fare inversione a U. Si è trovata davanti ad alcune persone che mi ha descritto come 'straniere ma che parlavano italiano'". Sono i ladri, che capiscono di poter perpetrare il furto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Hanno tirato fuori una cartina stradale e hanno chiesto come raggiungere via San Donà, che era a due passi - continua la figlia della derubata - mia madre non capiva perché si intestardissero a mostrare la cartina stradale. Finché lei non ha appoggiato la mano sulla carrozzeria all'altezza del finestrino". E' il momento che i malintenzionati aspettavano: in pochi attimi il braccialetto viene slacciato dal polso della sventurata, che non si accorge di nulla. Era il braccialetto del marito. Si erano regalati a vicenda il gioiello promettendosi eterno amore nei decenni addietro. Ora non ne è rimasto neppure uno. Finiti nelle mani di ladri senza scrupoli che non si sono fatti problemi di approfittare del buon cuore di un'anziana che intendeva solo dare una mano. "Mia madre ci sta con la testa - conclude la figlia - ci vede poco ma è prudente. Nonostante ciò una volta tornata in casa si è accorta che il braccialetto non c'era più. Prima era stato visto da una parente stretta. Quindi c'era. Questi delinquenti sono velocissimi, e la sicurezza dov'è?".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

Torna su
VeneziaToday è in caricamento