MestreToday

Ennesima aggressione ai danni di Luigi Corò: "In 3 contro 2, picchiati e scaraventati a terra"

Il presidente del comitato Cmp stava camminando verso la stazione quando è stato aggredito e pestato con un collaboratore da un trio: "Servono contromisure, nessuno ci ha aiutato"

"E' stata un'aggressione totalmente inaspettata. Sarebbe potuta finire molto male". Ennesimo agguato nei confronti di Luigi Corò, il presidente del comitato Cmp, da tempo in prima linea contro spaccio e degrado nelle strade del centro mestrino. I suoi video e le sue testimonianze evidentemente devono aver dato molto fastidio a chi si lascia andare alla microcriminalità, tanto che ai danni di Corò nelle ultime settimane si sono registrate tentate rapine e aggressioni.

L'aggressione di mercoledì

L'ultima della lista poco dopo le 19.30 di mercoledì, quando il presidente del Cmp stava camminando assieme a un collaboratore in via Cappuccina: "Stavamo transitando in direzione della stazione ferroviaria quando all'improvviso un giovane mi ha colpito venendomi addosso con una bicicletta. Sono finito a terra e mi hanno iniziato a prendere a calci e pugni". Secondo il racconto di Corò, erano 3 i facinorosi: "Una coppia di italiani tossicodipendenti, che avevamo filmato nei giorni scorsi mentre scavalcavano un'area abbandonata per andarsi a drogare, e un nordafricano - continua l'aggredito - Se la sono presa anche con il mio collaboratore, colpito in più punti". L'uomo lamentava dolore al ginocchio, al collo e alla schiena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spray urticante

Un'aggressione bella e buona: "Per difendermi ho usato uno spray per autodifesa - continua lo sventurato - sottolineo che nessuno si è avvicinato per darci una mano. Siamo stati lasciati in balia di noi stessi". Ad allertare la polizia è stato Corò, che, sbracciandosi, ha attirato l'attenzione di una pattuglia in transito: "I 3 che ci hanno aggredito sono stati tutti identificati e ci hanno continuato a minacciare - conclude - noi, dopo aver denunciato l'accaduto alle forze dell'ordine, ci siamo portati al pronto soccorso per farci refertare i traumi subiti. La situazione sta diventando sempre più tesa, servono contromisure urgenti". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento