MestreToday

In fuga dopo aver ferito il rivale con un'arma da taglio: 51enne in manette

L'episodio al termine di una lite violenta in un bar di via Bissuola. L'uomo, con una lunga serie di precedenti penali, era riuscito a scappare dopo l'aggressione

Al culmine di una violenta lite in un bar di via Bissuola aveva colpito al collo con un'arma da taglio un cittadino tunisino, causandogli una profonda ferita e una lesione permanente alla mandibola. Al termine dell'aggressione, era riuscito a fuggire, facendo perdere le proprie tracce. Dopo le indagini del caso, giovedì mattina un 51enne è stato arrestato e condotto in carcere dagli agenti del commissariato di Mestre. L'episodio risale allo scorso settembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il blitz e l'arresto

A carico dell'uomo pendeva un ordine di carcerazione per tentato omicidio. Nel suo passato si era reso responsabile di una lunga serie di reati, tra atti persecutori e danneggiamenti, oltre ad essere condannato per omicidio, rapina, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale. Dopo controlli mirati i poliziotti hanno rintracciato il delinquente, assicurandolo alla giustizia. L'operazione è scattata all'alba, e nonostante la pericolosità del ricercato, si è conclusa rapidamente e senza alcun incidente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento